Rassegna Stampa assicurativa 30 dicembre 2021

Selezione di notizie assicurative da quotidiani nazionali ed internazionali

 

logo_mf

Le reti di consulenza fanno l’en plein col risparmio gestito, a riprova della forte attrattività che per quasi tutto l’anno ha spinto gli investitori a togliere la liquidità dal materasso e affidarla alle cure dei money manager. A novembre, su un totale di 3,8 miliardi di euro raccolti, il 97% è riconducibile a soluzioni di asset management: fondi comuni, gestioni individuali e prodotti assicurativi e previdenziali hanno totalizzato nel periodo 3,7 miliardi d’afflussi. A fotografare questi numeri è stato il periodico censimento mensile di Assoreti, associazione presieduta da Paolo Molesini, che ha mostrato anche come nel periodo sia avvenuto un ulteriore deflusso di liquidità da conti correnti e di deposito, pari a 746 milioni. La raccolta totale di novembre, nel suo complesso, è aumentata su base annua del 19,3%.
La riforma delle principali banche popolari italiane voluta dal governo Renzi continua a far discutere a oltre sei anni dal varo. In questa intervista Andrea Resti, associate professor of Finance dell’Università Bocconi, sostiene che il riordino del settore ha impoverito l’ecosistema italiano del credito ridimensionando un attore importante. Nessuno strumento da solo è sufficiente a risolvere un problema complesso: per questo sarebbe stato utile ricorrere a più modelli alternativi.

Il concorso nella violazione è il rischio maggiore per i soggetti sottoposti alla disciplina antiriciclaggio che intervengono nelle cessioni dei crediti di imposta, anche edilizi, nelle varie ipotesi di insorgenza dell’obbligo di segnalazione delle operazioni sospette. Quanto appena indicato è chiaramente rilevabile dalla lettura combinata delle disposizioni contenute nel dl 157/2021, in vigore dallo scorso 12 novembre, relativamente all’esercizio delle opzioni, di cui all’art.121 del dl 34/2020, per lo sconto sul corrispettivo o per la cessione del credito di imposta, corrispondente alla detrazione «edilizia», dal comma 4, del nuovo art. 122-bis del dl 34/2020, nonché dai chiarimenti forniti dall’Agenzia delle entrate (circ. 16/E/2021) e dal Comando generale della Guardia di finanza
Nel lessico coranico la shari’a è la «strada rivelata». Una legge sacra imposta da Dio che si estende a ogni atto umano: dal culto religioso all’integrazione sociale, sino al mondo bancario. Lì dove la finanza islamica, una serie di istituti giuridici, strumenti finanziari e imprese che operano secondo i dettami della shari’a, è in continua espansione, dentro e fuori i confini mediorientali. A cominciare dall’Algeria, il paese africano in cui nell’anno finanziario 2021 è stato promosso un corso di formazione ad hoc.

corsera

  • Clima, nel 2021 187 eventi estremi (con 9 vittime)
Nel 2021 in Italia si sono verificati 187 fenomeni meteorologici che hanno provocato danni nei territori con 9 morti e dal 2010 questi eventi estremi sono stati 1.181 con 264 vittime e danni rilevanti in 637 comuni, l’8% del totale. È quanto emerge dall’Osservatorio Città clima di Legambiente realizzato in collaborazione con Unipol e con il contributo scientifico di Enel Foundation. L’anno che si chiude è stato da codice rosso per il clima segnato da un’estate che ha registrato temperature record in Europa.
  • Banca Generali, sale l’outlook
Standard Ethics ha alzato l’outlook di Banca Generali da «stabile» a «positivo», confermando il corporate rating a «EE».

Repubblica_logo

  • Casa Proroga a 110 per cento e mobili
Scongiurato dopo una lunga trattativa il tetto di reddito per le abitazioni individuali al Superbonus 110%. L’agevolazione fiscale è prorogata per tutto il 2022 per le villette, ma a condizione di aver completato il 30% dei lavori entro il 30 giugno. Per gli interventi effettuati dall’Istituto Autonomo Case Popolari ed equivalenti e dalle cooperative, il Superbonus è prorogato invece al 31 dicembre 2023, con l’unica condizione che entro il 30 giugno 2023 i lavori siano al 60% del totale. Per i condomini la proroga è al 2025, ma con un decalage: la detrazione al 110% vale solo fino al 2023, poi scende al 70% per il 2024 e al 65% per il 2025. Resta invece la detrazione al 110% fino al 2025 per le aree colpite da terremoti. Il bonus viene esteso anche a Rsa, onlus e abitazioni con teleriscaldamento. Nuovo bonus al 75% per abbattere le barriere architettoniche, per ora solo per il 2022. Confermato il bonus mobili, con tetto rivisto a 10 mila euro, e prorogato al 2023 anche il bonus idrico, l’agevolazione per l’acquisto e l’installazione di sistemi di filtraggio dell’acqua che consentono di ridurre il consumo idrico. Confermato anche il bonus facciate, che però scende dal 90% del 2021 al 60%. Ecobonus prorogato al 2024, confermati anche il bonus finestre al 50% e il sismabonus dal 50 all’85%.

  • Mansioni gravose differenziate per Ape e pensionamenti anticipati
  • Opzione donna estesa alle lavoratrici con 58 o 59 anni nel 2021
  • Pensione anticipata con quota 102 per chi è nato entro il 1958