I primi 10 anni di ANAPA

Il prossimo 23 febbraio si svolgerà a Roma il terzo congresso nazionale di Anapa, il sindacato degli agenti d’assicurazione italiani, un’occasione per fare il punto sui traguardi raggiunti dall’associazione nei suoi primi 10 anni di attività ed anche per guardare al futuro e individuare un cammino di crescita sostenibile e redditizia per gli agenti di assicurazione.

Anapa Rete ImpresAgenzia è nata su iniziativa di 11 presidenti di gruppi agenti nazionali che nel 2012 decisero di dar vita ad un nuovo movimento per la rappresentanza degli intermediari assicurativi. In questi 10 anni i 168 agenti iscritti iniziali, sono diventati circa 2500 e intermediano – secondo quanto riporta una nota dell’associazione – circa il 50% dei premi assicurativi venduti nel paese. Nel 2015, a seguito dell’unificazione con Unapass ha cambiato la denominazione in ANAPA Rete ImpresAgenzie.

Al terzo congresso nazionale, che si svolgerà a Roma il prossimo 23 febbraio presso il Centro Congressi “AUDITORIUM ANTONIANUM” parteciperanno anche gli 11 presidenti dei gruppi agenti che diedero vita all’associazione. L’assise sarà l’occasione per guardare al futuro della professione e ai nuovi spazi di crescita per gli agenti di assicurazione. Una professione che non si è interrotta nel corso della pandemia. Riconosciute come attività essenziali, le agenzie di assicurazione sono rimaste aperte nel periodo del lockdown rafforzando la propria funzione sociale proprio nel momento più brutto della recente storia del nostro Paese. Gli agenti si sono contraddistinti per la propria presenza sul territorio, al fianco dei clienti, che hanno trovato in loro una figura empatica e di riferimento, nonostante l’accelerato processo di digitalizzazione, indotto dalla pandemia.

A parlare delle nuove prospettive sarà un panel molto ricco di esperti e rappresentanti istituzionali, dal presidente di ANIA Maria Bianca Farina, a Gilberto Pichetto Fratin, Viceministro del MISE (con delega alle assicurazioni). Dal presidente di IVASS Luigi Federico Signorini, al Direttore Generale Tutela del Consumatore AGCM Giovanni Calabrò. Con loro si discuterà del ruolo sempre più sociale rivestito dall’agente di assicurazione nel post-pandemia. Mentre con Umberto Guidoni, Co-Direttore Generale ANIA e Chiara Frigerio, Professore e Segretario Generale CeTIF – Università Cattolica del Sacro Cuore, si guarderà al futuro andando a individuare le determinanti di sostenibilità e redditività del canale agenzia.

I lavori proseguiranno con la seconda parte congressuale col dibattito generale e con la presentazione delle liste dei candidati e la proclamazione degli eletti.