Non autosufficienza: la proposta della FFA in Francia

Durante la presentazione del libro bianco sulla non autosufficienza, la Federazione francese delle assicurazioni (FFA) ha fornito maggiori dettagli sul suo progetto comune con la Federazione nazionale francese delle mutue (FNMF)

Secondo un sondaggio di OpinionWay realizzato lo scorso luglio, quasi un francese su cinque (19%) non sa come affrontare economicamente la situazione in cui si trovasse in uno stato di non autosufficienza, mentre un francese su due pensa che dovrà ricorrere al proprio reddito attuale o ai propri risparmi per farvi fronte.

Per affrontare questo problema, che si aggraverà nei prossimi anni, la FFA ha fatto una proposta congiunta con la Mutualité Française, che è stata presentata al Forum economico di Aix-en-Provence. Il loro obiettivo: creare un “nuovo contratto di salute complementare responsabile“, al quale verrebbe allegata una garanzia di dipendenza.

La proposta della FFA per la non autosufficienza

In una conferenza stampa martedì 7 dicembre, Florence Lustman, presidente della FFA, ha spiegato che “questa copertura non sarà obbligatoria”. Ha aggiunto: “Se vogliamo ottenere i benefici della mutualizzazione, è importante includere il maggior numero di persone possibile”. In questo senso, secondo la proposta congiunta della FFA e della FNMF, maggiore è il numero di persone assicurate sotto questa copertura, più convenienti sarebbero le tariffe.

Alla domanda sul costo di questo contratto, la federazione ha fatto un esempio numerico: se la copertura delle cure di lunga durata fosse inclusa in tutti i contratti sanitari a partire dai 42 anni, essa permetterebbe ad ogni assicurato di beneficiare di una rendita mensile di 500 euro in caso di non autosufficienza grave per un contributo mensile di 13,7 euro al mese, tasse escluse. 

Secondo Jean Malhomme, presidente della commissione di assicurazione personale della FFA, la spesa media di tasca propria per la dipendenza è attualmente di 490 euro al mese.

Punti ancora da chiarire

Nel caso di contratti collettivi, “il progetto rimane aperto”, ha detto Jean Malhomme. Il contributo potrebbe essere pagato dall’azienda, dal dipendente o da entrambi. Nel caso delle persone coperte dall’assicurazione sanitaria complementare, “lo Stato potrebbe pagare tutto o parte del contributo, niente è stato ancora definito”, ha spiegato.

Resta il fatto che questa proposta congiunta con la FNMF dovrebbe essere adattata ai contratti di assicurazione per le cure di lunga durata già stipulati in Francia, che coprono attualmente quasi 7,5 milioni di persone. Più della metà di questi contratti (54%) sono puri contratti di assistenza a lungo termine e il 23% sono garanzie incluse nei contratti sanitari.

non autosufficienza