La disruption digitale accelererà nel 2022 secondo Clyde & Co

Accelera la disruption digitale e nel 2022 aumenteranno gli investimenti nelle tecnologie da parte delle compagnie di assicurazione

Gli analisti di Clyde & Co prevedono che gli investimenti nel digitale e nelle nuove tecnologie aumenteranno nel prossimo anno, con potenziali ramificazioni per ogni aspetto delle operazioni delle compagnie di assicurazione, dai processi interni ai prodotti e alle soluzioni che forniscono ai clienti.

La pandemia globale COVID-19 ha già accelerato la spinta alla digitalizzazione in tutto il settore assicurativo, e si pensa che i modelli operativi assicurativi continueranno a subire una trasformazione digitale nell’anno a venire.

Disruption digitale ed evoluzione delle start-up InsurTech

Ma mentre gli assicuratori tradizionali continueranno certamente ad esplorare nuovi modelli di business e tecnologie digitali, Clyde & Co prevede che una grande disruption deriverà anche da un’impennata delle start-up.

“Fino ad ora, molti innovatori insurtech erano start-up guidate da giovani ambiziosi con credenziali tecnologiche impeccabili ma con una conoscenza e una comprensione limitata del settore assicurativo”, ha osservato Yannis Samothrakis, partner di Clyde & Co. “In genere arrivavano con una soluzione alla ricerca di un problema da risolvere e spesso inciampavano di fronte agli ostacoli normativi e di conformità e alla complessità della distribuzione assicurativa”, ha spiegato.

“Questa situazione si sta ora invertendo. Stiamo assistendo all’arrivo di una nuova generazione di insurtech esperte del mercato e dotate di professionisti che stanno offrendo una combinazione convincente di tecnologia e copertura del rischio”.

Secondo Clyde & Co, questa tendenza sarà probabilmente alimentata da una serie di fattori, tra cui la necessità per gli assicuratori e le assicurazioni di essere attraenti per i giovani acquirenti, la continua disponibilità di capitale a basso costo e la necessità di fare il punto della situazione e considerare offerte alternative.

Insieme, queste influenze dovrebbero portare a “un’ulteriore ondata di nuovi operatori nel settore non vita”, dicono gli analisti.

Questi si concentreranno tipicamente su specifici segmenti di mercato di nicchia che si sono dimostrati difficili da raggiungere o generare un profitto per gli assicuratori tradizionali, e probabilmente avranno forti partnership con le reti esistenti, compresi gli assicuratori e i riassicuratori tradizionali.

In molti casi, Clyde & Co si aspetta che questi nuovi operatori perseguano un modello di affinità, fornendo un’assicurazione acquistata insieme a un prodotto o a un servizio, come la copertura per la cancellazione di un evento.

Altre probabili aree di disruption comprendono le assicurazioni sanitarie e di viaggio, i prodotti che proteggono dagli impatti della crisi climatica e le assicurazioni cyber per sostenere la necessità di una maggiore protezione digitale mentre tutti i settori subiscono una simile trasformazione.

digitale