AM Best: indici di solvibilità europei forti nonostante il calo degli utili

Secondo gli analisti di AM Best gli indici di solvibilità regolamentari tra gli assicuratori e i riassicuratori europei rimangono ancora forti, nonostante i guadagni significativamente inferiori dello scorso anno.

Nel 2020, i premi per i 30 maggiori assicuratori europei sono diminuiti per la prima volta in diversi anni, con i premi lordi complessivi in calo dello 0,7% rispetto ai dati del 2019.

Mentre circa due terzi delle compagnie nello studio di AM Best hanno raggiunto un certo livello di crescita dei premi, su base aggregata, il tasso di crescita è stato trainato in basso da un calo dellla raccolta in euro tra alcuni dei più grandi attori che riportano in altre valute.

Un fattore comune per il calo dei profitti dell’anno scorso è stato l’impatto negativo della pandemia COVID-19, determinato dagli accantonamenti per i sinistri danni legati alla pandemia, in particolare per le richieste di annullamento di eventi e di interruzione dell’attività (BI) senza danni alla proprietà.

Ma per gli assicuratori europei focalizzati sull’attività auto, la performance tecnica è aumentata grazie alla minore frequenza dei sinistri durante i periodi di blocco e semi-chiusura per tutto il 2020.

Nel complesso, AM Best ha rilevato che la maggior parte delle compagnie è rimasta redditizia nonostante la pandemia, e che solo i Lloyd’s hanno riportato una perdita al netto delle imposte per l’anno.

Oltre a questo, i 30 maggiori assicuratori europei hanno continuato a beneficiare di forti rapporti di requisiti di capitale di solvibilità (SCR), con più della metà sopra il 200%.

Gli analisti hanno notato che i rapporti SCR di alcuni gruppi in classifica sono stati aiutati dalle restrizioni normative legate alla pandemia sul pagamento dei dividendi, anche se non tutti i regolatori europei hanno adottato questo approccio.

I coefficienti di solvibilità di fine anno 2020 hanno anche beneficiato dell’inversione delle perdite non realizzate subite nel primo trimestre del 2020 con la ripresa dei mercati finanziari globali dopo le turbolenze del marzo 2020.

solvibilità