Bafin: polizze cyber difficili da confrontare

Data la  crescente importanza delle polizze cyber, l’autorità di vigilanza tedesca Bafin vorrebbe istituire a medio termine un ramo assicurativo indipendente. Uno studio riguardante 55 fornitori mostra grandi lacune nei dati.

L’Autorità di vigilanza tedesca Bafin critica in un articolo dell’attuale “Bafin Journal” il fatto che “Solo pochi assicuratori sono stati in grado di fornire informazioni complete in un sondaggio sul business cyber”.
L’autorità di vigilanza ha infatti chiesto informazioni sul business delle polizze cyber dal 2016 al 2020 a 55 assicuratori e riassicuratori tedeschi e a cinque controllate di assicuratori UE in Germania.

Risposte molto eterogenee

È stata fatta una distinzione tra gli affari privati, piccole e medie imprese e industria, tra i contratti stand-alone ed endorsement, secondo i gruppi di clienti e secondo le componenti danno proprio, responsabilità e servizio.

L’attenzione si è concentrata sulle polizze sottoscritte in Germania, ma sono stati menzionati anche i dati sulle attività in tutta l’UE e nel mondo.

L’autorità di vigilanza definisce il feedback “complessivamente molto eterogeneo”. In alcuni casi, gli assicuratori non avevano abbastanza dati per mostrare le cifre del conto profitti e perdite nella granularità richiesta. In alcuni casi, erano state fatte delle stime approssimative. Per gli anni dal 2018 al 2020, tuttavia, è evidente un miglioramento della qualità dei dati.

Loss ratio relativamente moderati

Il fatto che il segmento delle polizze cyber sottoscritte in Germania sia cresciuto fino a circa 240 milioni di euro di premi lordi nel 2020 era da aspettarsi in vista della crescente minaccia proveniente dalla cyber criminalità. “Un po’ sorprendente” sono stati gli indici di loss ratio relativamente moderati del 42,1 per cento più recentemente.
L’attività industriale “è andata regolarmente peggio” dell’attività assicurativa con le piccole e medie imprese e con i clienti privati e ha raggiunto un indice di perdita lordo del 53,0 per cento nel 2020.

Il mercato delle polizze cyber in Germania

Il 61,1% dei premi lordi in Germania proviene dagli affari industriali. Solo 6,3 milioni di euro o il 2,6% dei premi lordi sono realizzati con clienti privati.

I dieci maggiori assicuratori primari, che non sono nominati dall’autorità di vigilanza, hanno sottoscritto circa l’86% della raccolta premi nel 2020. A livello di mercato, la ritenzione è solo del 40,9%, il che significa che la maggior parte degli affari viene passata ai riassicuratori.

Anche gli affari sottoscritti nell’UE e nel mondo mostrano una chiara dinamica nello sviluppo dei premi con un loss ratio lordo meno favorevole del 67,5%.

Secondo l’indagine Bafin, le polizze sono molto eterogene nei termini e condizioni utilizzate, il che rende un po’ difficile per i clienti confrontarle. Praticamente tutti gli assicuratori usano questionari per misurare il rischio. Tuttavia, questi si discostano spesso dalle specifiche del questionario GDV e sono di solito abbreviati.

La giovane attività assicurativa manca ancora di una storia di sinistri, il che rende difficile la determinazione dei prezzi. Alla domanda di Bafin sul modo in cui i prezzi sono determinati, molti hanno dichiarato “un mix più o meno ampio” di dati da fornitori esterni e le proprie misure di esposizione.

L’autorità di vigilanza vede una tariffazione appropriata e valida come “una sfida ancora molto grande”. Oltre alla mancanza di storia dei sinistri, c’è anche lo sviluppo dinamico degli scenari dei sinistri. In questo contesto, avverte di esercitare cautela nella determinazione dei prezzi e, se necessario, di sottoscrivere solo piccole quote e di prestare attenzione a un’adeguata protezione riassicurativa.

polizze cyber