Il parere dell’Eiopa sulla revisione di Solvency II delude le assicurazioni europee

Insurance Europe, l’associazione delle compagnie di assicurazione europee, ha criticato il parere che l’Eiopa ha inviato alla Commissione Europea sulla revisione della Direttiva Solvency II. A suo parere, e in termini generali, le sue intenzioni non contribuiscono al miglioramento dell’economia, né sostengono i consumatori o promuovono una trasformazione “verde”.

Il direttore generale dell’associazione, Olav Jones, ha affermato che la revisione della direttiva è un momento opportuno per riflettere i rischi reali delle compagnie di assicurazione e ridurre gli oneri operativi. Ha detto che così facendo, “potranno investire di più nell’economia, fornire più risparmio e prodotti di protezione ed essere più competitivi sulla scena internazionale”. Osserva che la proposta del supervisore assicurativo “è deludente” perché “ignora questo potenziale”. Egli ritiene che il parere porti ad una Solvency II “più conservativa, senza dimostrare che i livelli di capitale complessivi sono attualmente troppo bassi”. Jones afferma che il parere inviato alla commissione “porterà a lungo termine a un settore assicurativo europeo meno competitivo” che investirebbe meno nell’economia e vedrebbe ridotta la sua offerta di risparmi finalie dove si ridurrebbero anche i rendimenti per i suoi clienti.

Nella sua comunicazione Insurance Europe cerca di fornire i punti che a suo parere dovrebbero essere rivisti dopo aver notato che Solvency II funziona generalmente bene.

Ritiene che la partnership debba rivedere il trattamento delle attività a lungo termine e la riduzione degli oneri operativi. Secondo lui questo passo dovrebbe portare alla rimozione delle barriere e facilitare gli obiettivi dei comitati, come il Patto Verde e l’Unione dei mercati dei capitali, e sottolinea che l’idea dell’Eiopa porta ad “aumentare le barriere piuttosto che a ridurle”.

Per quanto riguarda gli oneri operativi, egli ritiene che possano essere ridotti facendo funzionare la proporzionalità e semplificando gli obblighi di rendicontazione. Questo permetterà alle aziende di concentrarsi sui rischi materiali e di ridurre i costi per i consumatori, dice Insurance Europe.

Anche le mutue europee hanno espresso il loro disappunto e attraverso la loro associazione, Amice, contestano il fatto che il documento Eiopa mostria un approccio conservatore che avrà un impatto negativo sugli assicurati. Essi ritengono che Solvency II si sia dimostrato fin dall’inizio uno “strumento solido” e che la sua revisione sia un’opportunità per migliorare alcuni aspetti dell’infrastruttura normativa, per garantire, in ultima analisi, la stabilità finanziaria e per favorire gli assicurati.

Ma Amice è particolarmente preoccupato che la consulenza di Eiopa non rifletta una serie di proposte di miglioramento di Solvency II che sono state esaminate e sviluppate in dettaglio per creare un migliore equilibrio. A suo avviso, ciò significherebbe che gli assicuratori “saranno limitati nella loro offerta agli assicurati e nella loro capacità di investire, soprattutto a lungo termine, il che rappresenta un approccio fondamentale per gli assicuratori mutualistici e cooperativi”.

Il segretario generale di Amice, Sarah Goddard, ha detto che è necessaria un’ulteriore analisi del documento, ma “ci sono diverse aree importanti che riteniamo debbano ancora essere affrontate. L’esperienza della pandemia di Covid-19 nel settore assicurativo ha dimostrato la resistenza del settore, per cui è contraddittorio che gli aumenti degli oneri di solvibilità avvantaggino gli assicurati. In realtà, riteniamo che questi requisiti limiterebbero in ultima analisi la scelta dei prodotti e aumenterebbero i costi”.

Solvency II