Germania: gli assicuratori chiedono un’assicurazione obbligatoria contro le pandemie

L’obiettivo dovrebbe essere quello di “fornire protezione, soprattutto alle piccole e medie imprese, per possibili pandemie future in modo lungimirante, più prevedibile sin dall’inizio e più rapido”, ha dichiarato Klaus-Peter Röhler, membro board di Allianz.

L’Associazione tedesca delle assicurazioni (GDV), secondo quanto riporta Cash on line, si sta già preparando per una discussione più lunga: “Al momento, le forze politiche si stanno logicamente concentrando sulla lotta contro l’attuale pandemia, quindi non mi aspetto una decisione politica sul nostro concetto a breve termine”, ha detto l’amministratore delegato della GDV Jörg Asmussen. “Resta un problema per l’anno delle elezioni federali”.

La proposta in discussione prevede che i clienti azienda paghino un’assicurazione contro la pandemia a cui lo Stato parteciperebbe. “Gli assicuratori coprirebbero le prestazioni fino a un livello concordato contrattualmente in un caso di pandemia definito e, se tale livello viene superato, le prestazioni sarebbero coperte da parte del governo”, ha dichiarato Röhler.

La pandemia ha portato molte critiche al settore assicurativo – praticamente in tutto il mondo – perché molte compagnie non hanno pagato per la chiusura imposta ufficialmente degli impianti, anche se i clienti aziendali avevano stipulato un’assicurazione contro tali eventi. Il risultato è stato un’ondata di cause legali che hanno colpito anche Allianz, tra le altre.

Per gli assicuratori, una pandemia globale è il caso estremo di un “rischio di accumulazione” – cioè una perdita che colpisce legioni di clienti allo stesso tempo e quindi comporta immensi oneri finanziari. Esiste un consenso internazionale nel settore sul fatto che la protezione contro la pandemia finanziata esclusivamente dal settore privato senza il coinvolgimento dello Stato supererebbe la capacità finanziaria delle compagnie di assicurazione. Le due principali associazioni industriali statunitensi APCI e NAMIC, ad esempio, hanno descritto le pandemie come “non assicurabili”.

Ma anche con gli aiuti di Stato, Allianz ritiene che l’assicurazione contro la pandemia sarebbe accessibile ai clienti solo se fosse obbligatoria: “L’argomento a favore di una soluzione obbligatoria è che una soluzione assicurativa volontaria non porterebbe a una copertura completa; al contrario, troveremmo una sorta di trapunta patchwork”, ha detto Röhler. “Inoltre, con una soluzione volontaria, è più difficile mantenere i premi a un prezzo corretto. Vogliamo evitarlo a tutti i costi”.

La GDV ha già presentato un documento di discussione in estate in cui si parla di una soluzione obbligatoria come possibilità. A luglio anche Joachim Wenning, CEO del riassicuratore Munich Re, si era espresso a favore di un’iniziativa congiunta tra Stato e privato. Secondo la GDV, il Ministero federale delle finanze ha nel frattempo indetto una gara d’appalto per un progetto di ricerca sull’argomento.

pandemie