Gen Re vuole sviluppare prodotti per la salute mentale

La filiale globale di Berkshire Hathaway per la riassicurazione, Gen Re, ha annunciato l’intenzione di sviluppare un prodotto assicurativo per la gestione dei problemi di salute mentale, a partire dal Sud Africa.

Gen Re, che opera in Sudafrica come General Reinsurance Africa Ltd., osserva che le condizioni di salute mentale sono tra le principali cause di disabilità nel Paese, rappresentando più di un quarto sia del reddito che delle richieste di risarcimento forfettario per disabilità negli ultimi cinque anni.

Quest’anno la questione è stata amplificata solo dalla pandemia COVID-19, eppure l’industria globale della riassicurazione non ha voluto affrontarla, date le difficoltà che comporta la valutazione e la gestione delle condizioni di salute mentale.

Tuttavia, utilizzando principi simili a quelli utilizzati per sviluppare una copertura per le persone che vivono con l’HIV, Gen Re spera di creare un nuovo quadro per la copertura della salute mentale con un fondamento nella ricerca sull’economia comportamentale.

“Il cambiamento di paradigma chiave è il passaggio dall’approccio biomedico puro, che offre poca granularità nella valutazione e nella gestione del rischio, a un approccio biopsicosociale”, ha spiegato Gen Re.

Uno strumento di rischio multifattoriale, sviluppato dal team di Gen Re, considera i fattori psicosociali, così come alcune domande selezionate della scala di autoefficacia, nei termini offerti.

“Questo approccio più olistico si traduce in migliori decisioni di sottoscrizione e termini migliori per le persone con malattie mentali meno gravi”, ha aggiunto Gen Re.

Thea Weyers di Gen Re, che ha guidato il team di Città del Capo responsabile dello sviluppo del prodotto, ha commentato: “La ricerca ha dimostrato che un intervento proattivo e precoce che adotti l’approccio biopsicosociale in tutto lo spettro della salute mentale è un potenziale pericolo per la salute mentale”.