Abi: prestiti in crescita, le sofferenze tornano ai minimi

di Pietro Rizzo
Moratorie e garanzie statali sui prestiti continuano a spingere i finanziamenti bancari a imprese e famiglie, mentre le sofferenze si mantengono su livelli minimi dal 2009. Positiva la dinamica della raccolta e dei depositi, mentre i tassi di interesse restano su livelli molto bassi, sui minimi storici. E’ il quadro fornito dall’Abi nel rapporto mensile. A novembre i prestiti a famiglie e imprese sono pari a 1.324 miliardi di euro, in aumento del 5,1% con una accelerazione rispetto alla dinamica del mese precedente (+4,9%). Il totale dei prestiti a residenti in Italia si è collocato a 1.721 miliardi di euro, con una variazione annua del +3,5% (+2,7% il mese precedente). I prestiti a residenti in Italia al settore privato sono risultati pari a 1.462 miliardi di euro in aumento del 4,4% rispetto a un anno prima. A ottobre si è registrata una crescita del 7,4% (+6,8% nel mese precedente, -5,9% a novembre 2013, il picco negativo), mentre il totale dei prestiti alle famiglie è cresciuto del 2,1%. La dinamica dei finanziamenti alle famiglie è risultata in lieve aumento rispetto per la componente dei mutui per l’acquisto di abitazioni (+2,1% la variazione annua; +2% nel mese precedente), e in diminuzione per quella del credito al consumo (+0,2% s +0,8% il meseprecedente). La raccolta bancaria è stata di 1.934 miliardi di euro (+6%). (riporduzione riservata)

Fonte: logo_mf