RASSEGNA STAMPA ASSICURATIVA 04/12/2019

Selezione di notizie assicurative da quotidiani nazionali ed internazionali

 

logo_mf

Le compagnie assicurative fanno i conti con le novità RcAuto contenute nel Dl Fisco e non si tratta di un effetto limitato. Le nuove norme del decreto approvate dalla commissione Finanze estendono il raggio d’azione della Legge Bersani a tutti i veicoli e a tutti i contratti già esistenti che saranno sottoposti a rinnovo. In pratica, se c’è un membro della famiglia virtuoso (per esempio, in prima classe di euro), tutti i familiari conviventi, purché non abbiano registrato sinistri negli ultimi cinque anni, potranno essere promossi allo stesso livello, con uno sconto consistente sulla tariffa RcAuto. Specie per i giovani, che avrebbero altrimenti tariffe ben più salate.
In ballo – anche questa una novità rispetto alla Bersani – non ci sono solo le automobili ma tutti i veicoli a motore, compresi motocicli e scooter, che sono spesso causa di sinistri. Tale disposizione che, «se definitivamente approvata, condurrebbe a conseguenze davvero distorsive per la sostenibilità del sistema assicurativo dell’RcAuto, a danno di tutti gli utenti», hanno tuonato ieri da Ania, l’Associazione Nazionale fra le Imprese assicuratrici presieduta da Bianca Maria Farina.

Entro la metà di dicembre Cassa depositi e prestiti (Cdp) e Assofondipensione dovrebbero firmare un accordo per un fondo che investa circa un miliardo di euro nell’economia reale italiana. L’obiettivo di raccolta dai fondi pensione è di almeno 500 milioni di euro, cui si aggiungerebbero anche le risorse che – coerentemente alla propria mission istituzionale – Cdp potrà investire al fianco dei fondi pensione nella piattaforma gestita dal fondo italiano di investimento Sgr (FII SGR).
Per avere diritto ai contributi per le polizze relative alla campagna assicurativa 2020 le imprese agricole devono presentare la manifestazione di interesse, prima di sottoscrivere le polizze e i certificati di adesione alle convenzioni di polizze agevolate. È con la circolare del 26 novembre 2019 n. 66 che l’Agea detta le istruzioni relative alle modalità di accesso ai contributi comunitari per le assicurazioni agevolate misura 17-17.1 (assicurazioni del raccolto, degli animali e delle piante.
Un avanzo gestionale pari a circa 1,1 miliardi di euro consentirà all’Enpam (l’Ente di previdenza ed assistenza dei medici e dei dentisti) di veder salire, a fine anno, il suo patrimonio a livelli elevati, ossia a «22,4 miliardi a valore civilistico», ma già oggi, sul mercato, i beni della Cassa pensionistica privata hanno oltrepassato la soglia dei 23 miliardi. E, nel frattempo, l’Ente dei «camici bianchi» vede impennarsi pure le uscite per coprire le prestazioni previdenziali, in una stagione nella quale crescono gli iscritti che vanno in quiescenza (in considerazione degli effetti, attesi, della riforma del sistema pensionistico, varata nel 2013), e la spesa nel 2020 è ritenuto raggiungerà quota 2,2 miliardi.
Banco Bpm e Alphabet, società del gruppo Bmw specializzata nella fornitura di servizi innovativi di mobilità, hanno sottoscritto una partnership commerciale per l’offerta di soluzioni per il noleggio a lungo termine dedicata ai clienti della banca. Il servizio, disponibile nelle filiali di Banco Bpm, sarà esteso alle piattaforme digitali di internet banking dell’istituto. «L’iniziativa si inquadra in una più ampia progettualità di trasformazione e rinnovamento dei servizi rivolti alla clientela, incentrati sulla digitalizzazione ed evoluzione omnicanale, con un focus particolare sulle piccole e medie imprese», ha sottolineato l’a.d. Giuseppe Castagna. «Attraverso questo accordo Banco Bpm può ampliare la propria gamma di offerta, mettendo a disposizione servizi non finanziari ad alto valore aggiunto in grado di soddisfare in modo più ampio i bisogni di tutti coloro (privati e aziende) che sono interessati al servizio di noleggio a lungo termine».

Repubblica_logo

  • L’Ania dice no alla Rc auto “familiare”
Approvata la riforma, aperta la polemica. La classe di merito della Rc auto formato famiglia che consente al figlio con scooter di ereditare il più vantaggioso premio del padre, già fa discutere. Chi ha fatto i conti, come Facile.it, ha calcolato che un nucleo medio (due auto e due motorini) potrà risparmiare il 53 per cento sui costi della Rc auto familiare. Ma l’Ania, l’associazione degli assicuratori già protesta e minaccia aumenti di tariffe. Il punto è che contrariamente ad oggi, con le regole della legge Bersani, per ereditare la polizza paterna non ci sarà bisogno di acquistare un autoveicolo nuovo ma si potrà chiedere la classe di merito più vantaggiosa, anche con la polizza in essere, alla prima scadenza. Inoltre, altra differenza con la Bersani, che prevedeva l’ereditarietà a fronte di auto su auto o motorino su motorino si potranno incrociare i veicoli. Si amplia così la gamma degli sconti e si riducono i margini delle compagnie che protestano. Gli aumenti, si dice, colpirebbero così i single e chi ha una sola auto. E anche l’Unione consumatori ha qualche dubbio, tant’è che si parla già di modifiche al passaggio al Senato.

corsera

  • Rc auto, battaglia sulle polizze familiari
È battaglia sulla Rc auto formato famiglia. Un emendamento dei 5 Stelle approvato al decreto fiscale, estendendo la riforma Bersani, consente alle famiglie di utilizzare per tutti i veicoli posseduti (compresi quelli a due ruote) la classe di merito più bassa presente nel nucleo.  Se approvata definitivamente, sostiene l’Ania, la norma causerà aumenti delle polizze che penalizzeranno fra l’altro i single e le famiglie meno agiate che hanno un solo mezzo: «Si interromperebbe così il trend virtuoso di riduzione del premio medio che prosegue ininterrottamente dal 2012». Le compagnie, infatti, compenserebbero i minori introiti derivanti dalla riforma aumentando le tariffe. Ma il padre della norma, Andrea Caso (M5S), ribatte: «La riforma prevede chiaramente una tutela delle assicurazioni; si può infatti accedere al beneficio solo se non si sono fatti incidenti negli ultimi 5 anni». La battaglia proseguirà in Parlamento. Il decreto deve essere ancora approvato dall’aula della Camera e poi passerà al Senato.

  • Nella chimica-farmaceutica infortuni in calo del 3,7%
gli ultimi 8 anni, l’industria chimica e quella farmaceutica hanno ridotto le malattie professionali, rapportate alle ore lavorate, a un ritmo medio annuo del 4,4%. Se si fa invece riferimento agli infortuni allora il calo è del 3,7%. È in questi numeri il risultato più importante che i due settori hanno conseguito sulla salute e sicurezza che rappresenta un capitolo fondamentale del contratto nazionale di lavoro e della contrattazione di secondo livello, come è emerso ieri nella giornata nazionale sicurezza salute ambiente di Federchimica e Farmindustria e delle organizzazioni sindacali, Filctem Cgil, Femca Cisl e Uiltec. I dati Inail, spiegano le due associazioni datoriali, «collocano i settori tra i più virtuosi nel panorama industriale».
  • Pir e fondo di garanzia avvicinano imprese e investimenti previdenziali
L’ultima versione emendata del decreto legge fiscale si arricchisce di uno strumento per favorire l’incontro tra investimenti previdenziali e mondo produttivo. Accanto alla riscrittura delle regole sui Pir, contenuta in un emendamento approvato il 25 novembre, è stata aggiunta una garanzia a beneficio degli investimenti effettuati dai fondi pensione. La novità è contenuta in quello che dovrebbe diventare l’articolo 58 bis del decreto legge 124/2019, ma il meccanismo appare piuttosto complesso e a rischio di non immediata attuazione. I fondi pensione (non meglio identificati a livello normativo) che dall’anno prossimo faranno investimenti per capitalizzare o ripatrimonializzare micro, piccole e medie imprese potranno beneficiare della garanzia prevista dall’articolo 2, comma 100, lettera a della legge 662/1996 (Fondo di garanzia per assicurare i crediti in favore delle Pmi), a fronte del pagamento di una commissione.
  • Le unit linked sono contratti assicurativi anche ai fini tributari
Le unit linked sono contratti assicurativi anche ai fini tributari. È il principio – in apparenza scontato – stabilito dalla Ctp Pavia nelle sentenze gemelle 447, 448, 449 e 450 del 7 novembre scorso. Le Entrate notificavano ai contribuenti un avviso di accertamento richiedendo le imposte – asseritamente – non versate in relazione ai redditi derivanti da attività finanziarie estere sottese a un prodotto assicurativo vita con una società lussemburghese operante in Italia in Lps (libertà di prestazione di servizi ). L’Ufficio riteneva che la polizza fosse un mero schermo giuridico per dissimulare i redditi finanziari, in ragione soprattutto dell’assenza della garanzia circa la restituzione del capitale, elemento ritenuto incompatibile con lo schema assicurativo ma tipico appunto degli investimenti finanziari. I contribuenti sostenevano invece che le polizze fossero correttamente ascrivibili alla categoria dei contratti assicurativi ex articolo 1882 del Codice civile e articolo 2 del Dlgs 209/05 e che l’interpretazione della normativa di settore dovesse valere anche ai fini fiscali.

  • Donne, precari, redditi alti: cosa cambia con la riforma delle pensioni
Il futuro regime pensionistico universale per punti dovrebbe in teoria andare a vantaggio dei più deboli, in particolare delle donne. Ma la riduzione delle disparità si tradurrà in una perdita per alcuni. Secondo il rapporto del governo, il 40% dovrebbero vedere fortemente migliorata la loro pensione grazie alla riforma.
  • SCOR emette una soluzione di capitale contingente per 300 milioni di euro
SCOR ha annunciato martedì il lancio di una soluzione di capitale contingente triennale sotto forma di una linea di emissione contingente di azioni, che fornisce al gruppo riassicurativo una copertura di 300 milioni di euro in caso di eventi estremi (calamità naturali o eventi che incidono sulla mortalità). “Contribuire a preservare la solvibilità del gruppo, ad un costo molto basso per i nostri azionisti, ci permette di affrontare eventi di eccezionale gravità come una pandemia globale o disastri naturali storici”, ha dichiarato Denis Kessler, CEO del gruppo.