Il Governo tedesco interviene anche per i turisti di Tour Vital

Oltre a Thomas Cook, nel mese di settembre è fallito in Germania anche Tour Vital, un altro grosso tour operator, sempre assicurato dal Gruppo Zurich Deutschland.
Finora non era chiaro se i turisti di Tour Vital dovessero essere risarciti alle stesse condizioni previste per quelli di Thomas Cook “tutto compreso”. Secondo le informazioni della rivista fvww, questo è comunque l’intenzione sia dell’assicuratore Zurich che del Governo tedesco.
“Liquideremo le richieste dei viaggiatori dei pacchetti Tour Vital come facciamo per i clienti di Thomas Cook Germania”, ha confermato il portavoce di Zurich a fvww. La settimana scorsa l’assicuratore aveva annunciato che il tasso di rimborso per i villeggianti danneggiati di Thomas Cook sarebbe stato del 17,5% delle spese secondo i calcoli preliminari. Questo tasso di rimborso si applicherà anche ai clienti Tour Vital.
Il portavoce ha anche spiegato che la perdita di Tour Vital per viaggi interamente pagati o prepagati non più effettuati dal tour operator di Colonia ammontava a circa sette milioni di euro.  Secondo il portavoce, la perdita del Tour Vital è già inclusa nella perdita totale provvisoria di 347 milioni di euro pubblicata mercoledì per il tedesco Thomas Cook.
La legge tedesca consente agli assicuratori di limitare la responsabilità per i fallimenti degli operatori turistici a 110 milioni di euro per assicuratore e per anno. Se i 110 milioni di euro non sono sufficienti, sarà effettuato un rimborso proporzionale.

Poiché i fallimenti di Thomas Cook e Tour Vital cadono nello stesso anno (1.11.2018-31.10.2019), rientrano entrambi nel massimale di 110 milioni di euro. Secondo Zurich, si tratta di 59,6 milioni di euro per il rimpatrio dei turisti rimasti a terra. Inoltre, vi sono 287,4 milioni di euro per i servizi di viaggio pagati interamente o in anticipo ma non più forniti. Dopo aver detratte le spese di rimpatrio, i costi relativi alla responsabilità civile ammontano ancora a 50,4 milioni di euro, pari al 17,5% dei pagamenti effettuati dai turisti che non erano più in grado di viaggiare.
Inoltre, solo i viaggiatori “tutto compreso” sono coperti dal diritto UE. Chiunque abbia prenotato servizi di viaggio individuali, come un soggiorno in hotel o voli, non ottiene nulla. C’è anche una controversia sui costi di restituzione. Zurich li considera parte della copertura di responsabilità civile. La BMJV è del parere che devono essere pagati extra dall’assicuratore. Il ministro della giustizia Christine Lambrecht (SPD) ha riaffermato questo punto di vista mercoledì in Parlamento.
turisti