Fallimento Thomas Cook: il Governo tedesco in aiuto dei turisti

Il governo federale tedesco vuole aiutare finanziariamente i turisti dell’insolvente tour operator Thomas Cook. “Il governo federale rimborserà i danni che non sono risarciti da altri parti”, ha annunciato il governo dopo una riunione. I clienti di Thomas Cook avranno la possibilità di compensare la differenza rispetto all’importo che hanno ricevuto da Zurich “o da un’altra fonte”.
“È irragionevole che i clienti debbano affrontare da soli le complesse questioni legali che rimangono irrisolte”, ha continuato il governo. L’obiettivo è quello di evitare migliaia di cause e controversie di lunga data.

Il tour operator è stato sorpreso dalla bancarotta della casa madre britannica. Il tedesco Thomas Cook ha presentato istanza di insolvenza il 25 settembre. Mentre la compagnia aerea Condor, anch’essa colpita dal fallimento della casa madre, viene salvata con milioni di dollari, il tour operator deve cavarsela senza prestiti statali. L’operatore turistico ha cancellato tutti i viaggi, anche se erano già stati pagati in tutto o in parte e ha cessato l’attività.
Secondo Zurich, la somma assicurata prevista nei contratti non è in questo caso sufficiente. Il danno sarà notevolmente superiore alla somma assicurata di 110 milioni di euro. L’assicuratore non ha ancora comunicato i dati definitivi, che sono attesi nei prossimi giorni.
Il governo federale ha annunciato una “procedura il più semplice e gratuita possibile”. “I clienti non hanno bisogno di attivarsi, al fine di preservare i loro diritti”. All’inizio del 2020, il governo “informerà sulle ulteriori misure da adottare”.
Thomas Cook