Danni assicurati causati da catastrofi naturali al di sotto della media nel 2019

Secondo le stime preliminari di Swiss Re Institute, nel 2019 le perdite economiche totali dovute a catastrofi naturali e causate dall’uomo sono state di circa 140 miliardi di dollari, di cui 56 miliardi coperti da assicurazione e riassicurazione.
In particolare, le perdite assicurate sono notevolmente diminuite rispetto ai 93 miliardi di dollari registrati l’anno scorso e sono nettamente inferiori alla media annua di 75 miliardi di dollari per i 10 anni precedenti.

L’attività dei cicloni tropicali nella seconda metà del 2019 ha spinto le perdite complessive di riassicurazione/assicurazione verso l’alto dopo un primo semestre benigno, ma gli eventi più piccoli e medi hanno finito per rappresentare oltre il 50% delle perdite.
Anche le perdite economiche sono state notevolmente inferiori ai 176 miliardi di dollari registrati l’anno scorso, con le catastrofi naturali che hanno rappresentato 133 miliardi di dollari di perdite nel 2019 e 166 miliardi di dollari nel 2018.

Secondo Swiss Re, le perdite assicurate da catastrofi naturali sono state di 50 miliardi di dollari quest’anno, contro gli 84 miliardi di dollari del 2018, mentre le perdite da catastrofi causate dall’uomo sono state di 6 miliardi di dollari, contro i 9 miliardi dell’anno scorso.
I dati Sigma indicano l’uragano Dorian e i tifoni Faxai e Hagibis come gli eventi dannosi più significativi dell’anno, con perdite assicurate stimate rispettivamente a circa 4,5 miliardi di dollari, 7 miliardi di dollari e 8 miliardi di dollari.

“Dopo alcuni anni di relativa calma, l’esperienza degli ultimi due anni riafferma che il rischio tifone rimane una delle principali vulnerabilità del Giappone”, ha dichiarato Swiss Re, osservando che la regione urbana del paese rimane vulnerabile nonostante la presenza di infrastrutture di mitigazione.

Il riassicuratore ha anche evidenziato il potenziale impatto del cambiamento climatico sui danni dovuti alle tempeste, così come dovute al cambiamento climatico sono le ondate di calore e periodi di siccità che quest’anno hanno interessato tutto il mondo.
Le alte temperature, ad esempio, hanno portato ad incendi devastanti in Australia, Indonesia, Stati Uniti, Canada, Amazzonia e Siberia, tra gli altri, mentre inondazioni e grandinate hanno causato gravi danni alle proprietà, ai veicoli e all’agricoltura in tutto il mondo.
“Il cambiamento climatico sta portando a eventi di pericolo secondario più frequenti e più gravi, che si manifestano in modi diversi: inondazioni più locali, piogge torrenziali, siccità prolungata, gravi incendi e altri eventi meteorologici estremi”, ha riferito Swiss Re.

catastrofi naturali