Distribuzione gli italiani cambiano canale?

RAMI VITA

Con il bancassicurazioni si riduce al minimo la presenza di agenti e broker nel Vita. Resta forte nei Danni, ma si avvertono nuove difficoltà

Autore: Fausto Panzeri
ASSINEWS 303 – dicembre  2018

Il mondo assicurativo, nella maggior parte delle sue componenti, non è soggetto a mutamenti repentini bensì a lente e graduali modificazioni che cambiano le strutture aziendali nel volgere di decenni e non certamente di pochi anni. Come avviene spesso per molti settori della vita economica questo aspetto rappresenta un punto di forza e, allo stesso tempo, di debolezza.

La forza risiede nel mantenimento, nel lungo termine, di strutture consolidate dalle esperienze e di politiche magari un po’ conservatrici, ma ispirate a criteri di stabilità e di prudenza. La debolezza, invece, deriva da una scarsa propensione all’innovazione e, talvolta, dall’ostinato mantenimento di processi aziendali certamente collaudati, ma talora obsoleti.

Per certi versi sembra paradossale che le aziende assicurative che hanno fondato la loro esistenza sulla massima apertura al rischio e sulla capacità di affrontare l’alea e l’imprevisto, si arrocchino sulle posizioni raggiunte, con il grande timore di perderle rifuggendo dalle sfide impegnative che il mondo esterno propone quotidianamente e in modo sempre più accelerato.

CONTENUTO A PAGAMENTOIl contenuto integrale di questo articolo è visualizzabile solo dagli abbonati aMENSILENon sei abbonato?

Sei già abbonato? Effettua il login nel modulo sottostante

Hai dimenticato la Password?
Registrati