La contraddizione del Ramo Incendio

COMPAGNIE

L’Italia brucia, ma i danni assicurati sono minimi.
Le coperture catastrofali quasi inesistenti.
Assenza di 
una copertura assicurativa e inadeguatezza dell’informazione

Autore: Fausto Panzeri
ASSINEWS 292 – dicembre 2017

Da troppi anni ormai, quando si trattano temi legati al settore assicurativo, si parla di rami vita e di Rc auto come se gli altri rami fossero residuali e scarsamente influenti sull’economia assicurativa. Al tempo stesso si sta ponendo una forte enfasi sulla digitalizzazione dei processi assicurativi senza entrare troppo nel merito di quali siano i bisogni reali e attuali ai quali le assicurazioni, nei prossimi anni, potrebbero fornire adeguate risposte e coperture. Il ramo incendio ci pare emblematico della situazione che abbiamo dianzi delineato. Dall’esame di circa un ventennio di attività abbiamo rilevato che anche questo ramo non cresce, malgrado l’elevato grado di sottoassicurazione sia nel settore delle famiglie che in quello delle medie e piccole imprese. Le carenze più vistose si evidenziano nella copertura dei danni indiretti e in quelle dei rischi connessi alle catastrofi naturali per i quali le compagnie invocano da anni l’eventuale obbligatorietà.

Per avere una visione più completa abbiamo proceduto, come è già stato fatto nei mesi precedenti per la Rc terzi e la Rc auto, a suddividere i periodi storici presi in esame in quinquenni per meglio evidenziare i risultati e le tendenze in essere. Segnaliamo, inoltre, che i dati esposti sono riferiti esclusivamente ai bilanci delle imprese nazionali e delle rappresentanze estere con sede principale in nazioni non facenti parte della UE. Giova, però ricordare che i premi delle imprese UE ammontato a 296 milioni su un totale di 2.674 milioni. Conseguentemente la percentuale dei dati, non esposti nelle tabelle, rappresenta l’11% del totale e le statistiche che vengono prese in considerazione sono sicuramente rappresentative dell’intero mercato.

CONTENUTO A PAGAMENTO Il contenuto integrale di questo articolo è visualizzabile solo dagli abbonati a MENSILENon sei abbonato?

Sei già abbonato? Effettua il login nel modulo sottostante

Hai dimenticato la Password?
Registrati