Su Patrimoni la polizza Vita per blindare il portafoglio

di Elena Dal Maso

Come blindare il patrimonio? Con una polizza Vita. I vecchi contratti a gestione separata sono tornati in auge dopo il crollo di Lehman Brothers: stabiliscono un rendimento minimo, consolidano i risultati e investono in titoli di Stato. Con una protezione in più rispetto all’acquisto diretto delle obbligazioni, perché le compagnie assicurano la restituzione dei premi versati. È questa la storia di copertina di Patrimoni di dicembre, in edicola domani in allegato a MF-Milano Finanza.

Per i capitali ingenti, si può ricorrere al private insurance, polizze tagliate su misura che possono contenere sia investimenti mobiliari di diverso tipo sia quote di società. In più, i contratti assicurativi beneficiano ancora di interessanti bonus fiscali e sono usati dai professionisti per la gestione delle successioni. Ma le polizze estere di tipo lussemburghese sono anche lo strumento che diversi italiani con mezzi molto cospicui stanno usando per cercare di tutelarsi da un possibile euro-crack. La cover story di dicembre racconta quanto hanno reso, negli ultimi 5 e 10 anni, le migliori 200 unit linked e 127 polizze a gestione separata. Allegato al numero un utile strumento, il Calcola Patrimoni, per fare il punto della situazione degli asset di famiglia.

La Vetrina mensile dei migliori prodotti di qualità si trasforma in un’ampia rassegna di ben 170 oggetti di prestigio sui quali vale la pena puntare per un gradito dono di Natale: auto leggere (ecocompatibili) e potenti, moto realizzate su misura, orologi a tiratura limitata, gioielli in copia unica, penne delle migliori case al mondo, liquori realizzati secondo antiche ricette imperiali, vini delle migliori tenute toscane, creazioni di vecchi e nuovi maitre chocolatier e le più esclusive essenze e prodotti di bellezza.