Il mercato assicurativo al tempo della crisi

Speciale Accordo Unipol

La crisi sta portando cambiamenti molto profondi nel mercato assicurativo. I clienti cambiano abitudini, emergono nuovi bisogni di protezione e la richiesta di una relazione più trasparente con gli assicuratori

Autore: Roberto Guccione
ASSINEWS 226: dicembre 2011

Il settore assicurativo sta affrontando un periodo di grandi cambiamenti. Cambiamenti determinati principalmente da due fattori: il primo riguarda i nuovi mezzi/strumenti di comunicazione/informazione, in particolare Internet; il secondo, il mercato nel suo insieme, strettamente legato anche al momento congiunturale difficile che ha investito tutto il mondo occidentale. I due fattori hanno ovviamente un impatto diretto sul rapporto tra assicurato e assicuratore. Un rapporto che, come indicano molti studi, è a sua volta in fase di evoluzione. Mentre la clientela over cinquanta resta per lo più fidelizzata a una compagnia assicuratrice, grazie soprattutto al rapporto personale con l’intermediario (molto spesso si tratta dell’assicuratore con il quale è stata sottoscritta la prima polizza, se non addirittura “tramandato” da padre in figlio), le generazioni più giovani si mostrano assai più flessibili e volubili. Il fattore determinante per questo diverso approccio, che fa supporre una certa “emancipazione” da parte del cliente, è stato Internet, con la possibilità di confrontare online le prestazioni e i costi delle polizze. CONTENUTO A PAGAMENTO
Il contenuto integrale di questo articolo è visualizzabile solo dagli abbonati aMENSILE Non sei abbonato?
Scopri i piani di abbonamento
Sei già abbonato? Effettua il login nel modulo sottostante

Hai dimenticato la Password?
Registrati