Trasporto merci: Allianz analizza le cause di sinistro e i principali fattori di rischio

Incendi ed esplosioni causano i sinistri assicurativi più costosi nel settore delle spedizioni. I danni da trasporto sono la causa più frequente di perdita. Questa è la conclusione dell’analisi di Allianz Global Corporate & Specialty (AGCS).

Tra gennaio 2017 e dicembre 2021, ha analizzato oltre 240.000 sinistri in tutto il mondo per un valore complessivo di circa 9,2 miliardi di euro. Da qui ha identificato una serie di tendenze di perdita e di rischio che stanno aumentando l’onere dei sinistri nel settore marittimo.

Un’altra questione importante è l’inflazione. Secondo quanto dichiarato dalla compagnia assicurativa in un comunicato stampa, i recenti aumenti di valore delle navi e dei carichi fanno sì che i danni e le riparazioni o sostituzioni diventino più costosi.

Anche il numero di incendi a bordo di grandi navi è aumentato in modo significativo negli ultimi anni, riferisce Régis Broudin, Global Head of Marine Claims di AGCS. Questo è più spesso legato al carico e può facilmente portare alla perdita totale di una nave o a danni ambientali.

Le perdite attribuibili agli incendi ammontano a circa 1,65 miliardi di euro, pari al 18% del valore delle perdite marittime totali analizzate. Nel periodo di cinque anni fino a luglio 2018, la percentuale era del 13%. L’errata o mancata dichiarazione del carico pericoloso spesso svolge un ruolo importante, mentre il recente aumento degli incendi in sala macchine può indicare una mancanza di competenza dell’equipaggio. Inoltre, l’aumento del trasporto di batterie agli ioni di litio sulle navi comporta un potenziale rischio di incendio.

L’inflazione fa salire il valore della flotta mercantile

Anche l’inflazione sta aumentando la tendenza ad un maggiore danno. In molti Paesi l’aumento dei prezzi si aggira attualmente intorno al dieci per cento. Di conseguenza, l’aumento dei costi dell’acciaio, dei pezzi di ricambio e della manodopera rende più costose le riparazioni dello scafo e dei danni ai macchinari.

Inoltre, il valore delle navi e dei carichi è in aumento, e allo stesso tempo aumentano i rischi associati alle navi più grandi, le più grandi delle quali possono trasportare 20.000 container alla volta. Secondo l’AGCS, che cita come fonte Splash 247.com, il valore totale della flotta mercantile globale è aumentato del 26%, raggiungendo 1,2 miliardi di dollari nel 2021. Anche il valore medio delle spedizioni di container è aumentato, perché è cresciuta la quota di merci di alto valore come l’elettronica e i prodotti farmaceutici. Non è insolito che un container contenga prodotti farmaceutici di alto valore, per un valore di 50 milioni di dollari o più.

Come mostra l’analisi AGCS, le merci danneggiate in transito sono la causa più comune di sinistri assicurativi marittimi e la terza per valore. I danni più comuni sono quelli alle cose, solitamente dovuti a manipolazione, stoccaggio e imballaggio impropri. Tuttavia, negli ultimi anni si sono verificati anche numerosi sinistri di valore elevato dovuti a furti e fluttuazioni di temperatura, che possono colpire in particolare i prodotti farmaceutici. Il furto è un’altra causa comune di danni, con i criminali che prendono di mira in particolare l’elettronica di consumo e le materie prime come il rame. Le merci vengono solitamente rubate nei porti, nei magazzini o durante il trasporto.

AGCS identifica anche una serie di tendenze di rischio nell’analisi che potrebbero avere un impatto sull’attività dei sinistri nel settore navale:

  • Scenari di incidente: Negli ultimi anni, una serie di incidenti marittimi, disastri naturali, attacchi informatici e la pandemia Covid 19 hanno causato notevoli ritardi nelle spedizioni e nei porti. Altre interruzioni sono state causate da congestione, carenza di manodopera e capacità limitata dei container.
  • Pressione commerciale: l’elevata pressione temporale può indurre gli equipaggi delle navi e il personale portuale a ignorare i problemi o a prendere scorciatoie per risparmiare tempo.
  • Cambiamento climatico: secondo un’analisi dell’AGCS, le catastrofi naturali sono già la quinta causa di sinistri marittimi, sia in termini di frequenza che di gravità. Le condizioni meteorologiche estreme hanno contribuito ad almeno il 25% delle 54 perdite di navigazione segnalate nel solo 2021, mentre la siccità in Europa ha nuovamente colpito in modo significativo la navigazione sul Reno nel 2022.
  • Sostenibilità: gli sforzi per la decarbonizzazione del settore navale avranno un impatto sugli scenari di perdita futuri. La riduzione delle emissioni di gas serra richiede che l’industria navale sviluppi nuove forme di propulsione e di progettazione delle navi e che utilizzi combustibili alternativi. Se da un lato ciò è necessario per effettuare la transizione verso un mondo a basse emissioni di carbonio, dall’altro potrebbe avere conseguenze inaspettate. Negli ultimi anni gli assicuratori hanno già registrato un certo numero di sinistri per guasti ai motori e carburante contaminato associati all’introduzione di olio a basso tenore di zolfo per ridurre le emissioni di ossido di zolfo. I guasti ai macchinari sono già la quarta causa di danno per frequenza e valore.
    Invasione russa dell’Ucraina: l’industria del trasporto marittimo è stata colpita dalla perdita di vite umane e di navi nel Mar Nero, dal fermo delle navi nei porti ucraini bloccati e dal crescente peso delle sanzioni. Sebbene la firma dell’Iniziativa sul grano del Mar Nero nel luglio 2022 abbia permesso ad alcune navi bloccate nei porti di lasciare l’area del conflitto, altre rimangono bloccate. Il valore totale di queste navi bloccate non è chiaro, ma secondo i rapporti dell’industria potrebbe arrivare a 1 miliardo di dollari.