Terzo trimestre in crescita per Allianz

Nel terzo trimestre Allianz è riuscita a incrementare i ricavi totali dell’1,3%, raggiungendo i 34,8 miliardi di euro. Il risultato operativo è aumentato del 7,4% a 3,5 miliardi di euro. Dall’inizio dell’anno, il fatturato totale è cresciuto del 5,3% a 116 miliardi di euro, con un utile operativo di 10,2 miliardi di euro (+3,2%), come ha riferito mercoledì l’assicuratore in una nota stampa.

Le buone performance sono dovute principalmente ai risultati del segmento assicurativo danni e infortuni. Le assicurazioni sulla vita e la gestione patrimoniale non sono andate altrettanto bene.

L’utile operativo del ramo vita e malattia è sceso a un miliardo di euro nel terzo trimestre, dopo gli 1,3 miliardi di euro dell’anno precedente. Nel suo comunicato, Allianz ha citato come motivazioni il calo deliberato delle attività a premio unico in Germania, l’indebolimento delle vendite di prodotti unit-linked in Italia e la perdita di un contratto di riassicurazione una tantum di 3,7 miliardi di euro presso Allianz Reinsurance nell’anno precedente.

L’indice di solvibilità è pari al 199 per cento alla fine del terzo trimestre del 2022, rispetto al 200 per cento alla fine del secondo trimestre del 2022. Includendo l’applicazione delle misure transitorie per le riserve tecniche, l’indice è pari al 227 per cento alla fine del terzo trimestre.

Le attività gestite dai due asset manager Pimco e Allianz Global Investors per clienti esterni al Gruppo Allianz sono diminuite di 240 miliardi di euro, pari al 12,2%, a 1,7 trilioni di euro dall’inizio dell’anno. Nel terzo trimestre, gli attivi sono diminuiti di 43 miliardi di euro. Secondo Allianz, oltre al cattivo andamento del mercato, hanno contribuito a questo risultato i deflussi netti di 19,9 miliardi di euro e gli “aggiustamenti in relazione alla partnership con Voya per un importo di 26,1 miliardi di euro”. Insieme agli investimenti propri, alla fine del terzo trimestre il Gruppo gestiva circa 2,25 trilioni di euro.

Per quanto riguarda Allianz Global Corporate & Specialty (AGCS) i premi imponibili sottoscritti per il terzo trimestre del 2022 sono stati pari a 8,486 miliardi di euro (3° trimestre 2021: 7,424 miliardi di euro), con un aumento di 1,063 miliardi di euro (14%) rispetto all’anno precedente. Questo aumento è dovuto principalmente all’aumento dei tassi di rinnovo (13% incluso l’adeguamento delle condizioni), a una base di rinnovo più elevata, a nuovi affari e a effetti valutari favorevoli. La maggior parte dei linea di business ha registrato una crescita rispetto all’anno precedente, in particolare i linea di business Financial Lines, Property e Entertainment. Il combined ratio per i primi 9 mesi del 2022 è superiore del 3,9% rispetto all’anno precedente, attestandosi al 95,4% (3° trimestre 2021: 99,3%). Il miglioramento rispetto all’anno precedente è dovuto principalmente a un rapporto sinistri/premi favorevole nell’anno di accadimento in corso, dovuto a una minore attività di sinistri derivante dal miglioramento del portafoglio. AGCS ha registrato anche una diminuzione dei sinistri per catastrofi naturali, ma è stata comunque colpita dall’uragano Ian negli Stati Uniti e una grande grandinata in Francia.

Il risultato operativo di 459 milioni di euro (3° trimestre 2021: 205 milioni di euro) è superiore di 254 milioni di euro rispetto all’anno precedente, grazie a una migliore performance di sottoscrizione nel terzo trimestre del 2022 e a un migliore risultato degli investimenti.