Swiss Re annuncia una perdita netta nei 9 mesi del 2022

Il colosso globale della riassicurazione Swiss Re ha riportato una perdita netta di 285 milioni di dollari per i primi nove mesi del 2022, trainata da una perdita nel terzo trimestre di 442 milioni di dollari a causa dei minori risultati degli investimenti e dei grandi sinistri catastrofali.

La perdita netta di 285 milioni di dollari e un rendimento del capitale proprio (ROE) di -2,1% per i 9 mesi del 2022 si confronta con un risultato netto di 1,3 miliardi di dollari e un ROE del 6,6% per i 9 mesi del 2021.

Swiss Re attribuisce questo drastico cambiamento ai minori risultati degli investimenti, ai grandi sinistri catastrofali di 2,7 miliardi di dollari e alle riserve del primo trimestre di 283 milioni di dollari legate all’invasione dell’Ucraina da parte della Russia.

Inoltre, il direttore finanziario del Gruppo, John Dacey, ha spiegato che nell’ultimo anno Swiss Re ha aumentato le riserve di 700 milioni di dollari per far fronte all’impatto dell’inflazione economica, il che suggerisce che altri operatori dovranno probabilmente intraprendere azioni simili.

“L’aumento dei tassi d’interesse sta già contribuendo a compensare questo impatto, con un aumento del contributo ricorrente del nostro portafoglio a reddito fisso di circa 100 milioni di dollari solo nel terzo trimestre. Soprattutto, nonostante le sfide di quest’anno, abbiamo mantenuto una posizione patrimoniale molto forte e continuiamo a impegnarci nelle nostre priorità di gestione del capitale”, ha dichiarato Dacey.

Per quanto riguarda la divisione riassicurativa P&C, questa parte dell’attività ha registrato una perdita netta di 283 milioni di dollari per i 9M 2022, in calo rispetto all’utile di 1,5 miliardi di dollari dello stesso periodo dell’anno precedente.

Swiss Re afferma che, con 2,5 miliardi di dollari, le richieste di risarcimento per catastrofi naturali di grandi dimensioni sono state più alte del previsto per il periodo in esame e si riferiscono principalmente all’uragano Ian, alle inondazioni in Australia e Sudafrica, alle grandinate in Francia e a una serie di altri eventi minori in tutto il mondo.

Anche gli eventi dell’anno precedente hanno avuto un impatto negativo sul risultato della riassicurazione P&C, a causa delle azioni di riservazione sull’inflazione economica e di un’ingente perdita dell’anno precedente in ambito specialistico. Il moderato rafforzamento nel segmento della responsabilità civile è stato in linea con l’anno precedente e in gran parte compensato da licenziamenti in altre aree, spiega Swiss Re.

Nell’ambito della riassicurazione P&C, i premi netti di competenza sono aumentati a 16,6 miliardi di dollari da 16,4 miliardi, grazie al continuo miglioramento dei prezzi.

Tuttavia, il combined ratio della riassicurazione P&C è peggiorato dal 97,5% dei primi nove mesi del 2021 al 106,1% dei primi nove mesi del 2022, a causa dell’elevata esperienza catastrofale e dell’impatto dell’inflazione economica.

Swiss Re avverte che a causa dell’aumento dei sinistri di piccola e media entità, soprattutto a causa dell’inflazione economica, è improbabile che la riassicurazione P&C raggiunga il suo obiettivo di combined ratio normalizzato inferiore al 94% nel 2022. Per i 9 mesi del 2022, il combined ratio normalizzato è stato pari al 96,2%.

Al contrario, la riassicurazione Vita e Salute (L&H) di Swiss Re ha visto un ritorno alla redditività nel 2022, registrando un utile netto di 221 milioni di dollari nei primi nove mesi del 2022, rispetto alla perdita di 32 milioni di dollari dell’anno precedente, grazie al calo dei sinistri legati alla COVID-19 da 1,2 miliardi di dollari a 608 milioni di dollari.

“Mentre il primo trimestre del 2022 è stato ancora fortemente impattato dai sinistri legati al COVID-19, l’attività è tornata alla redditività nel secondo e terzo trimestre, sostenuta da una grande transazione e nonostante i risultati di investimento significativamente più bassi di quest’anno”, osserva il riassicuratore.

Nell’ambito della riassicurazione L&H, i premi netti incassati e i ricavi da commissioni sono rimasti sostanzialmente invariati a 11,2 miliardi di dollari per i 9M 2022, con la divisione che è sulla buona strada per raggiungere il suo obiettivo di utile netto di circa 300 milioni di dollari per l’intero anno.

Nel settore Corporate Solutions, Swiss Re ha registrato un utile netto di 356 milioni di dollari per i primi nove mesi del 2022, in calo rispetto ai 425 milioni di dollari del periodo precedente. Il risultato del segmento è rimasto stabile nonostante le riserve legate alla guerra in Ucraina e le ingenti perdite catastrofali di 187 milioni di dollari, principalmente legate all’Ian e alle inondazioni in Australia.

Rispetto all’anno precedente, Corporate Solutions ha beneficiato in misura nettamente inferiore dell’andamento favorevole delle riserve dell’anno precedente e ha assorbito meno proventi da investimenti.

Ciononostante, i premi netti di competenza sono aumentati di oltre il 4%, raggiungendo i 4,1 miliardi di dollari per i 9M 2022, grazie alla crescita di nuovi affari in portafogli selezionati e al continuo recupero dell’aumento dei tassi precedentemente realizzato.

Corporate Solutions ha registrato un combined ratio del 93,1% per i primi nove mesi del 2022, e la business unit è sulla buona strada per raggiungere l’obiettivo di meno del 95% per l’intero anno.

Infine, l’entità iptiQ di Swiss Re ha continuato a crescere nei 9M 2022, con un aumento dei premi lordi emessi del 25% a 650 milioni di dollari.

Per quanto riguarda il lato attivo del bilancio, Swiss Re ha rivelato che il rendimento del capitale investito nei primi nove mesi del 2022, pari all’1,6%, è stato penalizzato da impatti negativi del mark to market sugli investimenti azionari quotati.

Christian Mumenthaler, Group Chief Executive Officer (CEO) di Swiss Re, ha dichiarato: “I primi nove mesi di quest’anno sono stati caratterizzati da una confluenza di eventi che hanno influito sulla performance finanziaria di Swiss Re: dalle turbolenze dei mercati finanziari, all’aumento dei sinistri dovuti a catastrofi naturali, all’impennata dell’inflazione e alla guerra in Ucraina. Mentre P&C Re ha risentito in modo significativo di questi venti contrari, tutte le altre attività stanno performando bene e sono sulla buona strada per raggiungere i loro obiettivi finanziari per il 2022”.

In prospettiva, Swiss Re afferma che è improbabile che raggiunga il suo obiettivo di ROE di gruppo del 10% nel 2022, ma rimane fiduciosa nelle prospettive a medio termine e si impegna a raggiungere l’obiettivo di aumentare il ROE US GAAP al 14% nel 2024.

“Sebbene siamo delusi per l’improbabilità che l’obiettivo di ROE del Gruppo venga raggiunto quest’anno, rimaniamo fiduciosi nelle nostre prospettive a medio termine. In questo contesto volatile, l’avversione al rischio e la necessità di protezione continueranno ad aumentare. La nostra strategia e la nostra forte capitalizzazione ci pongono in una posizione favorevole per i prossimi rinnovi, in un contesto di prezzi in crescita e di capacità di mercato limitata. Continuiamo a impegnarci a promuovere la redditività e a creare valore per i nostri azionisti, clienti e dipendenti, come risulta dai nostri obiettivi finanziari per il 2024”, ha aggiunto Mumenthaler.