Munich Re: esclusione della cyber war possono creare fiducia nel mercato dei capitali

Il miglioramento dei termini e delle condizioni della copertura assicurativa e riassicurativa del cyber, in particolare per quanto riguarda la guerra cyber e gli elementi esclusi dalle polizze, è un fattore importante che può attrarre nuove capacità, anche dai mercati dei capitali, ha spiegato Claudia Hasse di Munich Re.

Claudia Hasse ha spiegato che la posizione di Munich Re sulla sottoscrizione di polizze cyber in Europa è ancora da definire per quanto riguarda le esclusioni della guerra cibernetica, al fine di fornire maggiore certezza e attrarre la capacità necessaria per sostenere la crescita del mercato assicurativo cyber.

Claudia Hasse è Chief Executive Manager di Munich Re, responsabile del ramo Danni in Germania, del ramo Cyber in Europa e America Latina e del Pharmapool tedesco.

Hasse ha spiegato che il mercato della riassicurazione cyber in Europa è cresciuto fino a circa 2 miliardi di euro, dai 400 milioni di euro di cinque anni fa, e che Munich Re detiene una quota di mercato che va dal 5% al 20% in Germania.

Munich Re è fermamente convinta che la cyberassicurazione possa essere modellata, anche se in alcuni casi non si sta rivelando un’attività particolarmente redditizia.

Infatti, mentre Munich Re ha un combined ratio cyber a livello mondiale di circa l’85%, in Europa è “un po’ più alto”, grazie a una serie di grandi sinistri singoli e a tariffe più basse, ha spiegato Hasse. In Germania, tuttavia, il combined ratio supera il 100% per il settore.

“Nel nostro portafoglio vediamo un aumento delle perdite, ma non nella stessa misura”, ha detto Hasse. “Riteniamo che le ragioni di questa sovraperformance siano due. In primo luogo, scegliamo le nostre partnership in modo molto consapevole; in secondo luogo, supportiamo i nostri clienti con tutto il nostro know-how in materia di prezzi, formulazione, valutazione del rischio e li aiutiamo anche a fornire servizi pre e post incidente. Di conseguenza, i nostri clienti in media superano il mercato”, ha proseguito.

Per quanto riguarda l’assicurabilità dei rischi informatici, Hasse ha dichiarato: “Riteniamo che la maggior parte dei rischi informatici possa essere modellata e assicurata, come ad esempio i virus informatici, la violazione dei dati o il fallimento di un fornitore di servizi informatici, ma ci sono chiari limiti all’assicurabilità”.

Ma avverte che “i rischi sistemici, come le infrastrutture critiche o la guerra, non possono essere assicurati e attualmente si sta discutendo di escludere soprattutto la guerra”.

Ha poi spiegato cosa sono queste esclusioni e cosa potrebbero significare per il funzionamento del mercato del rischio informatico. “L’obiettivo della discussione in corso è quello di rendere questa esclusione più rispondente a particolari circostanze di guerra cibernetica e per il mercato di Londra sono già state sviluppate delle clausole con la partecipazione di Munich Re, che sono attualmente in fase di adattamento ai singoli mercati europei e saranno poi implementate”.

Munich Re ha già escluso la guerra all’interno delle proprie clausole cyber. Ma ha sottolineato come fornire maggiore certezza su ciò che è coperto nel mercato dell’assicurazione e della riassicurazione cyber potrebbe anche contribuire a creare maggiore capacità, che è assolutamente necessaria per aiutare il funzionamento di tale mercato.

“Questo è importante per creare fiducia nel settore cyber, in modo che i nuovi capitali, soprattutto quelli provenienti dai mercati dei capitali, siano pronti a entrare”, ha spiegato Hasse, che ha sottolineato poi la necessità di aumentare i prezzi delle assicurazioni e delle riassicurazioni cyber: “Considerando l’andamento delle perdite e il potenziale di accumulo che vediamo nel cyber, il nostro prezzo tecnico aumenterà in Germania e in Europa”.

Ma Munich Re spera di crescere anche in questo segmento, come ha dichiarato Hasse: “Nel complesso, siamo molto fiduciosi che la nostra strategia sia quella giusta e prevediamo di crescere ulteriormente nel cyber in Europa”.

Già nel 2018 Munich Re aveva chiesto il sostegno dei mercati dei capitali per i rischi informatici, riconoscendo la necessità di maggiori capitali, in particolare sul fronte della retrocessione.

Il problema permane tuttora: la mancanza di retrocessioni impedisce ai riassicuratori di sottoscrivere la quantità di rischio cyber che vorrebbero, ma l’incertezza delle formulazioni, in particolare per quanto riguarda le esclusioni della guerra cibernetica, ha davvero ostacolato la capacità dei mercati dei capitali e dei titoli legati alle assicurazioni (ILS) di essere coinvolti.

È quindi incoraggiante sentire che sono in corso ulteriori sforzi per chiarire questo aspetto nelle formulazioni e che uno dei maggiori riassicuratori è intenzionato a cercare un supporto di capitale di terzi per le sue attività cyber.