Munich Re: cresce utile III trimestre nonostante le perdite dell’uragano Ian

Munich Re ha registrato un utile di 527 milioni di euro e di 1,9 miliardi di euro rispettivamente per il terzo trimestre e per i primi nove mesi del 2022, nonostante l’aumento delle perdite maggiori nella riassicurazione dei beni e degli infortuni (P&C) a causa dell’uragano Ian, che ha causato perdite per circa 1,6 miliardi di euro.

L’utile del trimestre è aumentato rispetto all’anno precedente, anche se è leggermente diminuito per i 9 mesi del 2022, a causa di una spesa superiore alla media per le catastrofi naturali. Infatti, i maggiori sinistri di oltre 10 milioni di euro ciascuno hanno superato i 2,6 miliardi di euro nel 3° trimestre 2022, pari al 26,9% dei premi netti di competenza e superiori al valore medio atteso a lungo termine del 13% sia per il 3° trimestre che per i 9 mesi del 2022.

L’evento nat cat più costoso per il riassicuratore è stato l’uragano Ian, con 1,6 miliardi di euro. Complessivamente, i nat cat sono costati al riassicuratore 1,8 miliardi di euro nel 3° trimestre 2022, rispetto a 1,7 miliardi di euro nel 3° trimestre 2021.

Allo stesso tempo, Munich Re ha registrato perdite causate dall’uomo per 489 milioni di euro nel periodo, rispetto ai 245 milioni di euro dell’anno precedente.

Inoltre, la compagnia ha sciolto riserve per 344 milioni di euro per perdite di base degli anni precedenti, pari al 4% dei premi netti di competenza.

A causa dei sinistri, l’attività di riassicurazione P&C ha contribuito negativamente per 343 milioni di euro al risultato complessivo del terzo trimestre, con un combined ratio del 108,2% per il trimestre e del 96,9% per i nove mesi del 2022. Tuttavia, i premi sono cresciuti fortemente in questo segmento operativo, passando da quasi 8 miliardi di euro dello scorso anno a 10,2 miliardi di euro nel 3° trimestre 2022.

Nel settore della riassicurazione vita e salute (L&H), Munich Re ha annunciato un sostanziale aumento dell’utile a 424 milioni di euro per il trimestre, rispetto ai 94 milioni di euro dell’anno precedente, mentre la raccolta premi è salita a 3,5 miliardi di euro. Nell’ambito della riassicurazione L&H, il risultato tecnico è migliorato da soli 9 milioni di euro dello scorso anno a 293 milioni di euro nel terzo trimestre del 2022.

Inoltre, le perdite legate alla pandemia COVID-19 sono diminuite sensibilmente, scendendo a 35 milioni di euro per il 3° trimestre 2022 e a 323 milioni di euro per i 9 mesi del 2022.

Complessivamente, la performance dell’unità di riassicurazione ha contribuito per 81 milioni di euro al risultato complessivo del terzo trimestre e per 1,2 miliardi di euro ai primi nove mesi dell’anno. Munich Re attribuisce il calo rispetto al trimestre precedente al costo dell’uragano Ian e al minor risultato degli investimenti.

Nell’ambito della riassicurazione, il risultato operativo del trimestre è stato negativo per 687 milioni di euro, mentre i premi lordi emessi sono aumentati significativamente rispetto all’anno precedente, raggiungendo i 13,7 miliardi di euro.

Per quanto riguarda le attività di ERGO, l’utile ha raggiunto i 446 milioni di euro per il trimestre e i 702 milioni di euro per i nove mesi del 2022, con un aumento significativo per entrambi i periodi, grazie a un effetto una tantum nel segmento ERGO Vita e Salute Germania. Nel terzo trimestre, tutti i segmenti hanno continuato a registrare una crescita dei premi, con una raccolta premi totale che ha raggiunto i 4,7 miliardi di euro nel terzo trimestre e premi lordi emessi in aumento a 4,5 miliardi di euro.

Complessivamente, Munich Re ha annunciato una perdita operativa di 346 milioni di euro per il terzo trimestre, rispetto a un guadagno di 204 milioni di euro dell’anno precedente. Anche gli altri risultati non operativi sono stati negativi per 5 milioni di euro, mentre il risultato valutario è aumentato significativamente a 846 milioni di euro, in parte a causa di guadagni di cambio sul dollaro USA.

Complessivamente, i premi lordi emessi sono aumentati in modo sostanziale a oltre 18,2 miliardi di euro nel terzo trimestre e sono saliti del 14% a oltre 50,9 miliardi di euro nei nove mesi del 2022.

Sul lato attivo del bilancio, Munich Re ha comunicato che il risultato degli investimenti è sceso da oltre 2 miliardi di euro nel 3° trimestre 2021 a 904 milioni di euro nel 3° trimestre 2022. Nel complesso, il risultato degli investimenti del terzo trimestre ha rappresentato un rendimento dell’1,6% sul valore medio di mercato del portafoglio.

Guardando al futuro, Munich Re afferma che, alla luce dell’andamento “molto positivo” del business nel 2022, ha alzato la sua guidance per i premi lordi emessi nel settore riassicurativo a 48 miliardi di euro dai precedenti 45 miliardi di euro, e nel settore ERGO a 19 miliardi di euro dai precedenti 18,5 miliardi di euro. In tutto il gruppo, l’obiettivo è passato da 64 a 67 miliardi di euro.

Inoltre, il riassicuratore punta ancora a un risultato consolidato di 3,3 miliardi di euro per l’intero esercizio 2022, ma avverte che sarà molto più difficile raggiungerlo data l’esperienza dei sinistri e l’ambiente commerciale. La compagnia prevede un risultato consolidato di 2,5 miliardi di euro in riassicurazione per l’anno, in calo rispetto al precedente obiettivo di 2,7 miliardi di euro. Per quanto riguarda ERGO, invece, la società prevede un risultato consolidato di 800 milioni di euro per l’anno in corso, in aumento rispetto al precedente obiettivo di 600 milioni di euro. Per quanto riguarda la riassicurazione P&C, Munich Re prevede ora un combined ratio di circa il 97% dei premi netti di competenza per l’intero anno, rispetto al precedente obiettivo del 94%. Per quanto riguarda la riassicurazione L&H, l’azienda prevede ora un risultato tecnico molto più elevato, pari a 800 milioni di euro per il 2022.