I mercati marittimi devono far fronte a ingenti richieste di risarcimento per perdite totali

Secondo un recente rapporto, con le navi bloccate in Ucraina a causa del conflitto con la Russia, il mercato marittimo potrebbe dover affrontare un gran numero di sinistri “total loss” all’inizio del 2023.

I porti ucraini sono chiusi all’ingresso e all’uscita delle navi dal 25 febbraio 2022, il giorno successivo all’invasione russa, e si dice che siano state piazzate delle mine, che hanno di fatto bloccato circa 100 navi nei porti e sui fiumi. Il valore complessivo delle imbarcazioni bloccate non è chiaro, ma potrebbe essere compreso tra 800 milioni e 1 miliardo di dollari, si legge nel rapporto.

Un briefing di mercato organizzato dall’Association of Average Adjusters e dall’International Underwriting Association ha evidenziato la profondità dei problemi assicurativi marittimi coinvolti.

Jonathan Bruce, partner di HFW LLP e vice capo del gruppo di assicurazione e riassicurazione globale del suo studio, ha dichiarato: “Si tratta di una situazione inedita e quindi c’è molta incertezza. A meno che le cose non cambino rapidamente, sembra probabile che il prossimo febbraio ci saranno molte perdite totali ritenute tutte in un unico ‘gruppo’, e sarà necessario prendere alcune decisioni rapide”.

Secondo Bruce, se le navi intrappolate erano a noleggio, si sarebbe potuto continuare a pagare un premio aggiuntivo, ma con il passare del tempo questo sarebbe presumibilmente cessato e la maggior parte delle polizze sarebbe decaduta o annullata.

Ha spiegato che in base alle Institute War & Strikes Clauses (IWSC) è probabile che i perils di guerra, atto ostile, restrizione e detenzione siano stati tutti attivati dall’invasione e dalla successiva chiusura del porto.

Di solito, perché si verifichi una richiesta di risarcimento è necessario che si verifichi una perdita fisica o un danno, ma in base alla clausola di detenzione una richiesta di risarcimento può essere presentata dopo 12 mesi di fermo, in quanto è considerata una perdita totale. Nel caso delle navi bloccate in Ucraina, questo periodo scade il prossimo febbraio.

Prima di poter dichiarare una perdita, dovrebbe sussistere la consueta prova prevista dalla legge sull’assicurazione marittima, ovvero che l’assicurato sia stato privato del possesso della nave a causa di un evento assicurato: una prova difficile da soddisfare, per cui di solito è più facile fare affidamento sulla clausola di fermo.

Nel 1984 è stata introdotta un’appendice, nota come clausola di blocco e intrappolamento, che ha esteso la “restrizione” ai casi in cui le vie d’acqua sono bloccate da atti di guerra per 12 mesi.

Bruce ha illustrato il problema: “Cosa succede quando una polizza è stata annullata o è scaduta dopo che l’imbarcazione è rimasta bloccata; poi, prima dei 12 mesi, viene distrutta da un missile o da una mina? La situazione diventa ancora più difficile se si scopre che altre imbarcazioni sono riuscite a fuggire incolumi dallo stesso porto prima dei 12 mesi; in altre parole, se non fosse stato per l’attacco missilistico, non ci sarebbe stata alcuna perdita potenziale. Si tratta di una questione piuttosto difficile e interessante e non esiste un caso inglese che fornisca una risposta proprio su questi fatti”.

Gli assicuratori potrebbero affermare che la copertura non era stata estesa e che non era stato pagato alcun premio al momento dell’attacco missilistico, quindi si trattava di un atto non coperto. D’altro canto, si potrebbe sostenere che la nave era già condannata quando è avvenuta l’invasione, e che in quel momento gli assicuratori erano ancora a rischio.

Per quanto riguarda l’aggregazione dei sinistri, Bruce ha affermato che: “C’è il problema di stabilire se le perdite saranno aggregate come perdite derivanti da un unico evento o avvenimento, e potrebbero esserci controversie in merito, così come su quale polizza riassicurativa rispondere. Questo dipende a sua volta dalla data che si considera come data di perdita. L’aggregazione è un problema importante, perché se le perdite sono tutte raggruppate, si applica un’unica franchigia. Questo di solito è positivo per l’assicuratore rispetto ai riassicuratori, a meno che non venga superato il limite per evento”.

Al momento dell’invasione, molte navi avevano una polizza contro i rischi di guerra, ma il 24 febbraio gli assicuratori dei rischi di guerra iniziarono ad avvalersi del diritto di richiedere un premio aggiuntivo per estendere la copertura.

Rimaneva il dubbio se fosse giustificato imporre un premio aggiuntivo a una nave dopo che questa era stata colpita da “cattura, sequestro, arresto, fermo, detenzione, confisca o espropriazione” e se l’assicurato avesse quindi perso il libero uso e la disponibilità della nave.

In caso di mancato pagamento di questo premio aggiuntivo, l’assicurazione contro il rischio guerra verrebbe annullata, oppure il periodo di polizza concordato si esaurirebbe mentre la nave è stata trattenuta e prima dei 12 mesi di scadenza previsti dalla clausola di fermo.

Secondo il rapporto, poiché esistono analogie tra una nave scomparsa e una trattenuta in una situazione di guerra, entrambi i casi potrebbero essere trattati come perdita totale.

La clausola di continuazione dell’Institute Time Clauses Hulls 1995 prevede che una nave dispersa sia tenuta coperta fino all’arrivo al porto successivo in buone condizioni di sicurezza, o fino a quando non sia resa sicura. Ci sono buoni argomenti per suggerire che la disposizione “held covered” si applichi anche nel caso in cui la nave risulti alla fine una perdita totale.