Lloyd’s, fino a 3 miliardi di dollari i danni dall’uragano Ian

Il mercato assicurativo e riassicurativo specializzato dei Lloyd’s prevede sinistri legati all’uragano Ian fino a 3 miliardi di dollari, al netto della riassicurazione, sulla base dei dati del terzo trimestre forniti dai suoi sindacati.

I lloyd’s hanno pubblicato una stima delle perdite dovute all’uragano Ian compresa tra i 2,3 e i 3 miliardi di dollari, al netto della riassicurazione, affermando che tale cifra rientra nella gamma di risultati modellati e non ha alcun impatto sulla posizione di solvibilità del mercato.

Secondo il mercato, la sua quota netta stimata della perdita totale del settore, che dovrebbe attestarsi tra i 50 e i 70 miliardi di dollari, sarà del 3-5%.

“Il nostro pensiero va innanzitutto a tutti coloro che sono stati colpiti dagli eventi devastanti che si sono verificati quest’anno e, come sempre, i Lloyd’s sono pronti a sostenere i propri clienti in questi momenti difficili”, ha dichiarato Burkhard Keese, Chief Operating and Financial Officer dei Lloyd’s. “Stiamo fornendo una stima dei sinistri per l’uragano Ian al di fuori del nostro consueto ciclo di rendicontazione finanziaria per fornire trasparenza al mercato e comunicheremo i nostri risultati finanziari di fine anno 2022 nel marzo 2023”, ha aggiunto.

Prima dell’annuncio dei Lloyd’s, gli analisti di JP Morgan hanno riferito che le perdite comunicate dai principali riassicuratori del mondo in relazione all’uragano Ian ammontano a circa 20 miliardi di dollari, con i costi maggiori registrati da Berkshire Hathaway (3,4 miliardi di dollari) e Citizens Property Insurance (3,8 miliardi di dollari).

Anche al limite inferiore della sua gamma di stime, i Lloyd’s avrebbero il terzo costo più alto da Ian, sulla base dei dati di rendicontazione del terzo trimestre.

Le stime dei Lloyd’s indicano che il settore sta lavorando su una perdita di 60-75 miliardi di dollari per l’uragano Ian, che si colloca nella fascia alta delle stime modellate.

In passato, la quota di mercato dei Lloyd’s sui principali sinistri catastrofali del settore è stata più elevata, in alcuni casi circa il 5% o più.