Swiss Re: forte performance della riassicurazione P&C nei 9 mesi

Swiss Re ha riportato un utile netto di 1,3 miliardi di dollari per i primi nove mesi del 2021

Swiss Re ha registrato una forte performance del suo segmento property and casualty (P&C), che ha più che compensato una perdita guidata da COVID all’interno del suo business vita e salute (L&H) e che ha permesso di chiudere i nove mesi con un utile netto di 1,3 mld di dollari.

In generale, l’utile netto del gruppo è aumentato significativamente rispetto alla perdita di 691 milioni di dollari registrata nello stesso periodo dell’anno scorso, e questo nonostante un alto livello di perdite dovute a eventi catastrofici naturali e alla pandemia.

Il riassicuratore ha riportato un ritorno sul patrimonio netto (RoE) del 6,6% per il periodo di nove mesi, mentre i premi netti incassati e le commissioni del gruppo sono aumentati del 5,9% a 32 miliardi di dollari.

La performance di Swiss Re nei rami danni

La forte performance di Swiss Re nel 2021 è stata trainata dalla sua attività P&C, che ha prodotto un utile netto di USD 1,5 miliardi per i primi nove mesi di quest’anno, rispetto a una perdita di USD 201 milioni nel periodo dell’anno precedente.

Nell’ambito di P&C, i premi netti sono aumentati del 6% a USD 16,4 miliardi per i 9 mesi del 2021, il che riflette il continuo slancio dei prezzi e anche l’andamento favorevole dei cambi.

Con 1,7 miliardi di USD, Swiss Re afferma che i grandi sinistri da catastrofi naturali per i 9M 2021 sono stati superiori alle attese, ma sono rimasti al di sotto dei premi incassati per questa categoria di attività.

Le perdite P&C riguardano principalmente l’uragano Ida negli Stati Uniti e le inondazioni di luglio in Europa, oltre agli impatti di Uri nel primo trimestre dell’anno. Inoltre, Swiss Re ha registrato perdite causate dall’uomo per 272 milioni di USD per i primi nove mesi dell’anno.

Sebbene i sinistri COVID-19 nel ramo P&C siano notevolmente diminuiti nel 2021 per Swiss Re, essi ammontano ancora a USD 101 milioni, con USD 54 milioni di perdite nell’annullamento di eventi, USD 34 milioni di perdite nell’interruzione dell’attività, USD 18 milioni in altre linee e un beneficio di USD 5 milioni in credit & surety.

Nonostante l’esperienza di elevate perdite nat cat e di minori perdite da pandemia, il combined ratio della divisione P&C di Swiss Re si è rafforzato dal 110,3% nei 9M 2020 al 97,5% nei 9M 2021.

La performance di Swiss Re nel vita e malattia

In L&H, la performance è migliorata rispetto all’anno precedente, ma rimane comunque negativa, con una perdita netta di 62 milioni di USD per l’unità nei 9M 2021, rispetto a una perdita netta di 72 milioni di USD nel periodo dell’anno precedente.

Il gruppo ha registrato un aumento dei sinistri COVID-19 di USD 1,2 miliardi nei primi nove mesi del 2021, originati principalmente negli Stati Uniti. È interessante notare che Swiss Re spiega che, nonostante l’impatto COVID, L&H ha effettivamente prodotto un utile netto positivo sia nel secondo che nel terzo trimestre del 2021.

All’interno di L&H, i premi netti incassati e le commissioni sono balzati di oltre il 10% rispetto all’anno precedente a 11,1 miliardi di dollari, sostenuti da grandi transazioni e da un andamento favorevole dei cambi.

Christian Mumenthaler, Chief Executive Officer (CEO) del Gruppo Swiss Re, ha dichiarato: “Grazie alla costante attenzione del Gruppo alla qualità del portafoglio e a una sottoscrizione disciplinata, i nostri rami property e casualty hanno ottenuto risultati eccellenti nei primi nove mesi del 2021. Allo stesso tempo, siamo stati in grado di sostenere le comunità colpite dalle catastrofi naturali e dalla pandemia COVID-19“.

Swiss Re

Il Group Chief Financial Officer (CFO) del riassicuratore, John Dacey, ha aggiunto: “P&C Re e Corporate Solutions stanno raggiungendo i loro ambiziosi obiettivi per quest’anno, con un utile netto combinato di poco inferiore ai 2 miliardi di dollari nei primi nove mesi. Siamo anche soddisfatti della performance sottostante di L&H Re, che ha compensato l’impatto della pandemia, portando a un utile per il secondo trimestre consecutivo“.

La performance di Corporate Solutions

Passando a Corporate Solutions, e Swiss Re ha rivelato qui un utile netto di 425 milioni di dollari per 9M 2021, che è un netto miglioramento rispetto alla perdita di 357 milioni di dollari per lo stesso periodo dello scorso anno.

Il miglioramento della performance è avvenuto nonostante le perdite da catastrofi naturali di 286 milioni di dollari, guidate principalmente da Uri e Ida negli Stati Uniti, e le grandi perdite causate dall’uomo di 212 milioni di dollari per i primi nove mesi del 2021.

L’unità Corporate Solutions ha visto i premi netti incassati aumentare del 6,2% a USD 3,9 miliardi nel periodo, mentre il segmento ha registrato un combined ratio del 91,1% per i 9M 2021, rispetto a un 116% non redditizio di un anno prima.

La crescita di iptiQ di Swiss Re è proseguita nei primi nove mesi dell’anno, con un aumento del 118% dei premi lordi contabilizzati per il core business a 520 milioni di dollari.

Continuiamo a raccogliere i frutti delle nostre azioni strategiche di sottoscrizione e vediamo opportunità in tutte le attività per impiegare il capitale a rendimenti interessanti. Questo ci dà fiducia per il resto dell’anno e per il 2022, con tutte le nostre attività ben posizionate per continuare la loro forte performance“, ha detto Mumenthaler.