Supply chain: un’opportunità per i riassicuratori?

Gli analisti di DBRS Morningstar hanno suggerito che i recenti problemi della supply chain globale potrebbero aprire nuove opportunità di business per assicuratori e riassicuratori, in quanto le aziende cercano coperture più complete e strumenti di trasferimento del rischio.

L’anno scorso la pandemia COVID-19 ha posto sfide uniche per le supply chain a livello globale, causando uno squilibrio sia nell’offerta che nella domanda, in quanto i lockdown e le misure di distanziamento si sono combinate con la carenza di manodopera per limitare l’offerta di prodotti chiave.

In questo contesto, molte aziende si sono rivolte alle loro polizze assicurative per cercare di recuperare alcune delle perdite causate dalla pandemia, in particolare nell’ambito della loro assicurazione di interruzione dell’attività (BI).

Ma nella maggior parte dei casi, la copertura BI non è stata prezzata per coprire la pandemia, il che significa che meno del 2% delle richieste per perdite BI presentate agli assicuratori negli Stati Uniti sono state pagate nel 2020, con tassi simili registrati anche in altri paesi.

Tuttavia, DBRS Morningstar osserva che questo non ha dissuaso gli assicurati dal perseguire le loro richieste in tribunale, costringendo gli assicuratori ad affrontare maggiori costi di contenzioso e danni alla reputazione.

Una polizza a copertura delle interruzioni della supply chain

In contrasto con l’assicurazione BI, che per estensione non è adeguata a coprire le interruzioni della supply chain in una pandemia, gli assicurati azienda con programmi avanzati di gestione del rischio hanno utilizzato una copertura specializzata chiamata “supply change insurance” (assicurazione del cambiamento di fornitura), che è sottoscritta da un piccolo numero di compagnie assicurative globali.

Data la sua efficacia durante la pandemia, gli analisti di DBRS si aspettano che questa copertura possa diventare più diffusa in futuro, nonostante la sua complessità e i costi aggiuntivi.

“Oltre alle polizze BI e CBI, le compagnie di assicurazione hanno offerto una copertura più ampia chiamata assicurazione della supply chain”, ha detto Marcos Alvarez, vicepresidente senior e responsabile delle assicurazioni.

“Questo prodotto è destinato a un numero relativamente piccolo di clienti che hanno bisogno di protezione contro le interruzioni delle loro supply chain, non solo causate da danni fisici alle sedi di clienti e fornitori chiave, ma anche da una gamma più ampia di eventi, tra cui incidenti industriali, problemi di lavoro, sconvolgimenti politici e disordini sociali, l’impossibilità di entrare nei locali, azioni di regolamentazione e, in alcuni casi, emergenze di salute pubblica come una pandemia”, ha continuato Alvarez.

“A nostro parere, le polizze assicurative per la catena di approvvigionamento globale, che di solito vengono acquistate da grandi aziende con esigenze relativamente complesse, potrebbero diventare più diffuse tra un maggior numero di clienti. Le sfide della supply chain globale durante la pandemia potrebbero aprire nuove opportunità di business per le compagnie di assicurazione e riassicurazione, dato che le aziende aumentano la loro domanda di coperture più complete e di strumenti di trasferimento del rischio”.

Swiss Re stima che i cambiamenti nell’offerta globale genereranno circa 63 miliardi di dollari in premi assicurativi aggiuntivi a livello globale nei prossimi cinque anni.

E DBRS Morningstar prevede allo stesso modo che l’aumento della domanda di assicurazione della supply chain e una migliore modellazione in seguito alla pandemia potrebbero portare nuove opportunità per le compagnie di assicurazione globali che servono grandi aziende nel contesto di una relazione commerciale multilinea rafforzata.

“Se gestito correttamente, questo potrebbe migliorare il profilo dei guadagni delle compagnie di assicurazione property e casualty”, conclude lo studio.

supply chain