S&P: outlook della riassicurazione ancora negativo

L’outlook della riassicurazione globale rimane negativo, secondo S&P Global Ratings, in quanto i rendimenti del settore sono ancora inferiori 

Il mercato dei capitali e i suoi investitori, con i loro appetiti persistenti ma in evoluzione per l’accesso ai rischi assicurativi e riassicurativi, rimangono una minaccia significativa per i profitti della riassicurazione, secondo le agenzie di rating.

I risultati di sottoscrizione della riassicurazione globale sono stati ripetutamente deboli negli ultimi anni, e anche il 2021 si preannuncia sotto la media, ha spiegato S&P.

Quest’anno, le continue perdite da catastrofi naturali di maggiore frequenza e gravità, che S&P nota essere alimentate dalla rapida urbanizzazione e dal cambiamento climatico, sono minacce continue e in via di sviluppo per il mercato della riassicurazione.

Il che significa che il 2021 sarà probabilmente il quinto anno di fila in cui i primi 21 riassicuratori globali valutati da S&P Global Ratings esauriranno i loro budget annuali per le catastrofi naturali.

riassicurazione

Le continue sfide della riassicurazione

Tuttavia, nonostante gli elevati livelli di perdite da catastrofi, il capitale del settore rimane robusto, ritiene S&P, ma il capitale è anche una minaccia continua.

“Il settore deve ancora affrontare sfide secolari e dinamiche di mercato competitive, rimanendo frammentato mentre combatte la mercificazione del suo business”, ha spiegato Taoufik Gharib, analista del credito di S&P Global Ratings, che aggiunge: “Una volta era un vantaggio competitivo, il capitale ora è visto come una merce relativamente a buon mercato a causa dell’afflusso al settore da fonti non tradizionali, sostenuto da politiche monetarie deboli”.

L’outlook sulla riassicurazione rimane negativo

“I riassicuratori hanno anche lottato per guadagnare il loro costo del capitale, e il 2022 potrebbe seguire la stessa tendenza. Di conseguenza, manteniamo il nostro outlook negativo sul settore riassicurativo globale”.

S&P prevede che l’elevata attività di perdita nel 2021 guiderà un ulteriore irrigidimento della riassicurazione e della retrocessione nel 2022. Crediamo che lo slancio dei prezzi della riassicurazione sosterrà fermamente gli aumenti dei tassi di premio durante i rinnovi del 2022, data la recente sottoperformance del settore, anche se il ritmo degli aumenti dei tassi potrebbe rallentare, in parte a causa dell’ampia capacità”, ha detto l’agenzia di rating.

Aggiungendo che “mentre il capitale non scarseggia, i riassicuratori nel complesso hanno mostrato disciplina nello spiegamento di capacità finora, facendo leva sui loro veicoli di capitale alternativi per gestire le loro esposizioni di punta nella zona delle catastrofi naturali”.

Dato che le prospettive di guadagno per i riassicuratori globali sembrano relativamente povere per il 2021 in diversi casi, mentre anche quelli in grado di generare profitti chiedono più tassi nelle linee esposte alle catastrofi, sembra quasi certo che vedremo un altro giro di rassodamento nelle stagioni di rinnovo del 2022. Ma, per quanto riguarda la battaglia contro la commoditizzazione del business riassicurativo, questo è qualcosa che l’agenzia crede sia ancora agli inizi. Stiamo iniziando a vedere un uso molto più sofisticato del capitale di terzi da parte di alcune società di riassicurazione, il che significa che potrebbero essere usare molto di più per consentire loro di sottoscrivere affari esposti alle catastrofi naturali.

Allo stesso tempo, nel mercato delle insurance-linked securities (ILS) è in corso una riorganizzazione e c’è un nuovo capitale che proviene da fonti meno tipiche, in particolare con un focus sui pericoli legati al clima e sulle allocazioni ESG.

Inoltre, c’è un movimento verso piattaforme per la sindacazione del rischio che si sta sviluppando e che S&P prevede accelererà, dato che i riassicuratori si concentrano sempre più sulla ricerca di modi più efficienti per assicurarsi la protezione e l’accesso al rischio, insieme ai quali i requisiti di capitale potrebbero diventare più onerosi per l’esposizione climatica, il che potrebbe portare ad alcuni cambiamenti nel modo in cui la riassicurazione viene acquistata e portare a nuove opportunità di prodotto, alcune delle quali potrebbero essere molto rilevanti per i mercati dei capitali.

Tutto ciò accelererà la commoditizzazione dell’attività riassicurativa e in più aree che non solo il capitale, nel prossimo decennio, a quanto pare.

Non tutti stanno soffrendo sulla scia delle perdite dovute alle catastrofi di quest’anno (v. Swiss Re) e alcune compagnie stanno trovando modi efficaci per assicurarsi il tasso, usare il capitale di terzi e regolare la loro propensione al rischio, permettendo loro di sottoscrivere il rischio catastrofi in modo redditizio.