Rassegna Stampa assicurativa 29 novembre 2021

Selezione di notizie assicurative da quotidiani nazionali ed internazionali


logoitalia oggi7

Si fa presto a proclamarsi green e sostenibili. Ma se dietro le credenziali ambientali di un’azienda non ci sono dati reali, c’è il rischio di doversi difendere in giudizio da una richiesta di risarcimento dei danni.
Richiesta danni conseguente ad una esecuzione forzata fondata su di un titolo giudiziale poi revocato: competente il giudice dell’opposizione all’esecuzione che dovrà pronunciarsi anche sulle spese. Lo chiarisce la Corte di cassazione con la sentenza a sezioni unite 25478/2021.
Canne fumarie rigorosamente a distanza. Lo scarico dell’impianto posto al servizio di un appartamento deve essere collocato a una certa altezza dal tetto dell’edificio e rispettare le distanze legali dalle proprietà confinanti. Anche perché il manufatto situato troppo vicino alle unità immobiliari confinanti mette a rischio la salute degli occupanti e le relative immissioni vanno considerate intollerabili. Il giudice può quindi ordinare in via cautelare al proprietario dell’impianto di sospenderne immediatamente l’utilizzo, salvo individuare differenti soluzioni tecniche a seguito degli opportuni approfondimenti da svolgere nel successivo giudizio di merito. È questo quanto si ricava dalla recente ordinanza pronunciata dal tribunale di Oristano lo scorso 30 settembre 2021 all’esito dell’esperimento di un’azione di manutenzione nel possesso ex art. 1170 c.c..
Le compravendite delle case sono in ripresa e l’importo dei mutui è in aumento. C’è un calo, invece, delle richieste di finanziamento ma fa eccezione la fascia d’età delle persone con meno di 35 anni che cresce raggiungendo il mese scorso il dato più elevato degli ultimi 10 anni. Diversi istituti stanno quindi lanciando nuovi prodotti per rispondere a questo trend.
Le aziende tornano a scommettere sul digitale, ma solo una su tre può considerarsi all’avanguardia. Lasciato alle spalle il calo degli investimenti in nuove tecnologie registrato nel 2020, le imprese italiane hanno rimesso mano al portafoglio programmando nuovi investimenti hi-tech per due miliardi di euro entro la fine dell’anno, con un balzo in avanti del 13% rispetto ai dodici mesi precedenti. La previsione è stata elaborata da parte dei ricercatori del Politecnico di Milano e contenuta all’interno dell’Osservatorio Big Data & Business Analytics della School of Management.
L’esercizio dell’opzione per lo sconto in fattura o per la cessione della detrazione relativamente alle spese che danno diritto alle detrazioni «ordinarie» (diverse dal superbonus) richiede l’asseverazione della sola congruità dei costi e non anche dei requisiti tecnici e l’effettiva realizzazione dei lavori. Lo ha precisato l’Agenzia delle entrate in una Faq del 22 novembre scorso, a commento delle novità introdotte dal cosiddetto decreto Antifrodi, con efficacia dalle opzioni esercitate a partire dal 12 novembre 2021. La questione affrontata dall’Agenzia delle entrate riveste particolare interesse in vista della prossima chiusura dell’anno 2021 in relazione ai contribuenti (persone fisiche) che hanno pagato gli acconti per la fruizione delle detrazioni diverse dal superbonus e che intendono trasferire a terzi la detrazione maturata con l’opzione di sconto o cessione della detrazione.

aflogo_mini

 

  • Pechino accelera il “big bang” della finanza
Allianz China Life è la prima compagnia vita cinese controllata al 100% da un gruppo straniero dopo la caduta dell’obbligo di creare solo joint venture. In gioco una torta da 58 mila miliardi
  • Il risparmio gestito verso il record per il secondo anno consecutivo
Nei primi 9 mesi del 2021 la raccolta delle reti di consulenti ha sfiorato i 41 mld, dai 43,4 dell’intero 2020. Lo scenario resta favorevole anche per il prossimo futuro, anche se ora rischiano di soffrire le incertezze delle Borse. La pandemia, grazie anche agli aiuti di Stato ha dato una spinta
  • Il passaggio a Generali sfratta Pwc da Cattolica
Cattolica Assicurazioni, con l’arrivo della nuova proprietaria di casa, si trova costretta a sfrattare i revisori dei conti di PricewwaterhouseCoopers perché sono venuti meno i requisiti di indipendenza

  • La Governance delle quotate? Una (buona) guida per investire
Un investitore «che guarda alla qualità della governance non sbaglia a fare affari», così Valerio De Molli, managing partner e amministratore delegato di The European House – Ambrosetti commenta la diciassettesima edizione dell’Osservatorio sulla corporate governance, presentato in un workshop condotto dal vicedirettore del Corriere della Sera Daniele Manca in cui erano presenti esperti, aziende e rappresentanti di investitori istituzionali per un portafoglio totale di oltre 10 mila miliardi di asset management. Secondo l’Eg Index 2021 elaborato da The European House – Ambrosetti, per l’undicesimo anno consecutivo si assiste ad un miglioramento della qualità della corporate governance nelle aziende dell’Ftse Mib, mentre tra le Mid e small cap si evidenzia una leggera riduzione a causa dell’introduzione nell’Indice della componente di sostenibilità, sulla quale il livello di maturità delle pmi risulta ancora limitato.
  • Assiteca. Borsa e Online, il broker si allarga
Quarant’anni e non sentirli, come lo slogan di una famosa acqua minerale dell’epoca. L’ 8 aprile 2022 Assiteca completerà il quarto decennio di attività. Allora era la scommessa di Luciano Lucca, il fondatore, oggi è il terzo broker della Penisola, primo operatore italiano dopo i colossi Aon e Marsch: quasi 90 milioni di euro di giro d’affari contro i circa 200 milioni e i 120 milioni dei primi due player del mercato. Una distanza ancora importante, ma non incolmabile. In un paese storicamente sottoassicurato come l’Italia, Assiteca, oggi quotata all’Aim, ha accompagnato l’evoluzione delle piccole e medie attività. L’impresa è nata da un’idea di Lucca, che ha iniziato a navigare il mondo delle assicurazioni quand’aveva vent’anni. Prima con la Toro, successivamente mettendosi in proprio, inizialmente con Verconsult e poi in Gpa, che ha lasciato nel 1982 con la nascita di Assiteca.
  • Famiglia, come investire per proteggerla
Quanto costa assicurare i quattro rischi principali, dalla responsabilità civile all’invalidità. I conti in tasca e la spesa dai 30 ai 60 anni
  • I danni verso terzi. Come aprire un ombrello da due milioni e mezzo
L’animale domestico che durante una passeggiata aggredisce un passante o un figlio piccolo che fa cadere un oggetto dalla finestra e accidentalmente colpisce qualcuno, ferendolo in modo grave: sono situazioni meno rare di quanto si creda e che possono avere conseguenze molto serie anche sotto il profilo finanziario, visto che i genitori del minore e i proprietari dell’animale sono responsabili per i danni provocati a terzi, a norma del codice civile. Si tratta quindi di un caso-scuola di rischi da cui tutelarsi, perché hanno una bassa probabilità — infatti costano poco — a fronte di un impatto economico potenzialmente molto elevato.
  • Si parte da 23 euro al mese per garantire il futuro dei figli
Per una famiglia con un reddito netto di 34mila euro, mantenere un figlio fino a 18 anni costa mediamente 173mila euro, calcola Federconsumatori. L’esborso sale a quasi 290mila euro per i nuclei ad alto reddito, sopra i 70mila euro netti. Bastano questi numeri a comprendere la gravità dell’impatto economico provocato dalla prematura dipartita di chi percepisce l’unico stipendio in una famiglia mono-reddito con figli. Anche se i redditi sono due, le cose possono mettersi male. Soprattutto se si pensa che la piena indipendenza economica viene raggiunta molto più tardi, attorno ai 30 anni, secondo l’Istat. La pensione ai superstiti media attualmente erogata dall’Inps ai familiari, ricorda Andrea Carbone, fondatore di Smileconomy, è di 718 euro mensili: «si va dai 486 euro che ricevono gli uomini — se lei viene a mancare — ai 752 euro per la situazione inversa. L’assegno è previsto sia nel caso di lavoratori dipendenti, che autonomi — meccanismi analoghi sono previsti anche per gli iscritti alle casse previdenziali dei professionisti— ma non è per tutti: nell’Inps, hanno diritto alla pensione solo i lavoratori che hanno maturato almeno cinque anni di contribuzione, di cui tre nell’ultimo quinquennio, o che abbiamo almeno 15 anni di contributi alle spalle: in pratica, i giovani e i precari che lavorano da meno di 5 anni non hanno diritto ad alcuna pensione».
  • I contratti anti-infortunio recitano a soggetto
Dal punto di vista economico, il rischio in assoluto più grave è legato all’ipotesi che un genitore resti invalido in modo permanente, a causa di un infortunio o di una malattia: alla perdita del reddito da lavoro, infatti, si sommerebbe un aumento potenzialmente molto rilevante di spese. In questo caso, l’assegno dell’Inps oscillerebbe tra il 55% e il 70% dell’ultimo stipendio (vedi tabella qui sopra). Per ottenere una copertura assicurativa adatta a integrare la pensione di invalidità fino a raggiungere il livello di reddito precedente, cioè 1.600 euro netti, nel caso di un lavoratore dipendente occorre mettere in conto un premio mensile compreso tra 11 euro e 50 euro. Come nella simulazione prevista per la polizza vita (vedi articolo sopra), si presuppone che l’obiettivo sia proteggere i figli, quindi la durata della copertura si estende fino al compimento del loro 30° anno, corrispondente, per ipotesi di lavoro, al raggiungimento della piena indipendenza economica.
  • Più stai a casa più il premio dell’assicurazione si riduce
La nuova polizza pay per use di Vittoria Assicurazioni. Un’assicurazione casa pay per use, basata su un sistema IoT, copre il rischio incendio e altri danni ai beni, furto e rapina, animali domestici e responsabilità civile, offre assistenza e tutela legale. Il premio è calcolato sull’utilizzo reale della polizza

  • Privacy modello Ue: meno poteri al Garante nella difesa dei dati
  • Class action a rilento Resta il doppio binario con le vecchie regole

  • Ag2R La Mondiale resta tentata dall’assicurazione danni
Bruno Angles, ex numero uno di Credit Suisse France e ora vice a.d. del gruppo mutualista, dovrebbe prendere il posto dell’a.d. André Renaudin