Hannover Re: l’utile netto dei 9 mesi raggiunge 856 mln €

Hannover Re ha riportato un aumento del 28% dell’utile netto per i primi nove mesi del 2021 a 856 milioni di euro, nonostante le perdite da catastrofi nel terzo trimestre abbiano spinto la spesa per le grandi perdite della compagnia oltre il budget.

I premi lordi sono aumentati del 12% nei primi nove mesi dell’anno a 21,6 miliardi di euro, mentre i premi netti sono aumentati del 12% a 17,6 miliardi di euro.

A livello di gruppo, l’utile operativo è aumentato di oltre il 40% a €1,3 miliardi, mentre l’utile netto è migliorato da €668 milioni nei 9M 2020 a €856 milioni quest’anno.

Nella riassicurazione property and casualty (P&C), Hannover Re ha annunciato una maggiore raccolta premi a seguito della robusta domanda. Di conseguenza, il riassicuratore afferma di essere stato in grado di assicurare prezzi e condizioni migliori su un ampio fronte nelle varie tornate di rinnovo.

I premi lordi nel settore P&C sono aumentati del 14% per il periodo di nove mesi a 15,3 miliardi di euro.

Un’elevata esperienza catastrofale nel terzo trimestre del 2021, ha visto la spesa netta per grandi sinistri raggiungere 1,07 miliardi di euro per il periodo di nove mesi, che è sostanzialmente superiore alle aspettative di budget di Hannover Re di 849 milioni di euro per 9M 2021.

Dell’onere totale delle perdite da catastrofi, Hannover Re rileva un costo di 306 milioni di euro legato agli impatti dell’uragano Ida negli Stati Uniti, un costo di 214 milioni di euro per le inondazioni in Europa a luglio, perdite di 94 milioni di euro legate ai disordini civili in Sudafrica e perdite di 35 milioni di euro per le inondazioni in Cina.

Per i 9M 2021, l’unità di riassicurazione P&C di Hannover Re ha prodotto un utile di sottoscrizione di 253 milioni di euro e un combined ratio del 97,9%, rispetto a una perdita di sottoscrizione di 146 milioni di euro e un combined ratio del 101,4% dell’anno precedente.

Il risultato operativo del ramo danni è aumentato dell’80% su base annua a 1,06 miliardi di euro, mentre l’utile netto è migliorato del 77% a 749 milioni di euro per i primi nove mesi del 2021.

Nella riassicurazione Vita e Salute (L&H), la pandemia COVID-19 ha avuto un impatto negativo di €404 milioni nei 9M 2021, di cui €140 milioni relativi al terzo trimestre.

Le pressioni legate alla COVID-19 sono state contrastate da un effetto speciale positivo del portafoglio longevità di 99 milioni di euro nel terzo trimestre e da un’entrata una tantum positiva nel primo trimestre derivante da una misura di ristrutturazione nel settore della mortalità negli Stati Uniti, pari a 129 milioni di euro.

All’interno di L&H, il risultato operativo è sceso del 30% a €220 milioni a causa delle perdite dovute alla pandemia. Mentre il contributo all’utile netto di gruppo è sceso del 50% a €150 milioni per i primi nove mesi dell’anno.

I premi lordi di L&H sono saliti del 7% a 6,4 miliardi di euro per i primi nove mesi dell’anno.

Guardando al futuro, il riassicuratore prevede di riportare un utile netto di gruppo compreso tra 1,15 e 1,25 miliardi di euro per l’intero anno 2021. La compagnia osserva che il raggiungimento di questo obiettivo dipenderà dal fatto che le perdite maggiori non superino significativamente il suo budget di €251 milioni per il quarto trimestre.

Per il prossimo anno, Hannover Re si aspetta un utile netto di gruppo compreso tra 1,4 e 1,5 miliardi di euro, che riflette un aumento di 200 milioni di euro nel bilancio netto delle grandi perdite a 1,3 miliardi di euro per l’anno, che Hannover Re commisura alla crescita del business sottostante.