Admiral utilizzerà dati dei sistemi di sicurezza alla guida per calcolare i premi auto

Admiral, uno dei maggiori assicuratori automobilistici del Regno Unito, utilizzerà i dati dei sistemi di sicurezza ADAS (Advanced Driver Assistance Systems) nella determinazione dei prezzi delle polizze auto, grazie a una soluzione di analisi dei dati sviluppata da LexisNexis Risk Solutions. I sistemi ADAS fanno riferimento a tutte le tecnologie elettroniche di bordo che aiutano i conducenti nella guida (cruise control, ABS, park assistant, allarmi preventivi di collisione, salvaguardia di pedoni e ciclisti, ecc.)

La piattaforma LexisNexis Vehicle Build consente ai provider di assicurazioni di comprendere e valutare meglio i dati ADAS, standard e opzionali, montati su ogni veicolo specifico. Secondo LexisNexis, la soluzione aiuta a migliorare gli S/P degli assicuratori e a migliorare la personalizzazione delle tariffe.

Per sviluppare la piattaforma, i data scientist di LexisNexis Risk Solutions hanno preventivamente analizzato oltre 2,7 milioni di veicoli e testato la soluzione nell’ultimo anno sia nel Regno Unito che in Europa. Dall’analisi è emerso che nel corso dell’ultimo anno c’è stato un deciso aumento di sistemi ADAS a bordo di veicoli del Regno Unito. Un trend che evidenzia la crescente necessità per gli assicuratori di tenere conto della presenza di questi sistemi nella fase di pricing. LexisNexis ha osservato che, in media, ci sono otto strumenti tecnologici di sicurezza sui veicoli circolanti nel Regno Unito e che a livello europeo, il 69% di auto con dotazione ADAS ha meno probabilità di avere un sinistro rispetto alla media.