Utile e risultato operativo in calo per Munich Re nel III trimestre

Munich Re ha registrato un utile di 199 milioni di euro (865 milioni un anno prima) nel terzo trimestre del 2020, per un totale di 999 milioni di euro (contro 2.490 milioni dei nove mesi del 2019) nei primi nove mesi del 2020.

Il risultato operativo è sceso a 353 milioni di euro, rispetto agli 844 milioni di euro dello stesso trimestre dell’anno precedente. Inoltre, l’altro risultato non operativo è pari a -31 milioni di euro (-10 milioni). Il risultato in valuta è pari a -100 milioni di euro (228 milioni) e l’aliquota fiscale effettiva è pari a -19,4% (14,2%).

Rispetto al terzo trimestre 2019, i premi lordi contabilizzati sono aumentati del 3,0% a 14.150 milioni di euro (13.743 milioni) e del 6,0% a 41.261 milioni di euro (38.917 milioni) nei nove mesi.

Il patrimonio netto è solo leggermente inferiore (29,641 milioni) rispetto a quello di inizio anno (30,576 milioni). Grazie anche al green bond di 1,25 miliardi di euro emesso a settembre, il coefficiente di solvibilità è migliorato al 216% nel terzo trimestre (30 giugno 2020: 211%).

Nel terzo trimestre 2020, il rendimento annualizzato del capitale proprio (RoE) è stato pari al 3,6%.

Munich Re

Il settore riassicurativo ha contribuito al risultato consolidato per 63 milioni di euro (746 milioni) nel terzo trimestre e per 619 milioni di euro (2.151 milioni) nei nove mesi. Il risultato operativo è pari a 55 milioni (690 milioni), mentre i premi lordi contabilizzati sono saliti a poco meno di 10 miliardi (9.926 milioni; 3° trimestre 2019: 9.582 milioni).

La riassicurazione Vita/Malattia ha generato un utile di 86 milioni (282 milioni) nel terzo trimestre. La raccolta premi è aumentata a 3.127 milioni di euro (2.989 milioni). Il risultato trimestrale riflette anche le perdite derivanti dai decessi legati al COVID-19, soprattutto negli Stati Uniti, per un totale di circa 100 milioni di euro. Il risultato tecnico, comprensivo delle attività con trasferimento di rischio non significativo, è pari a 56 milioni di euro (226 milioni).

La riassicurazione Danni/Infortuni ha contribuito al risultato del terzo trimestre per -23 milioni di euro (464 milioni). Il volume dei premi è salito a 6.798 milioni di euro (6.593 milioni). Il combined ratio è pari al 112,2% (103,9%) dei premi netti di competenza.

I grandi eventi dannosi (causanti oltre oltre 10 milioni di euro di perdite) sono costati 1.518 milioni di euro (981 milioni un anno prima). Tali dati includono le plusvalenze e minusvalenze derivanti dalla liquidazione di importanti sinistri degli anni precedenti. Gli oneri per grandi perdite corrispondono al 26,7% (18,4%) dei premi netti di competenza e sono quindi più che raddoppiati rispetto alla media di lungo periodo (12%).

Ciò è da ricondurre principalmente alle grandi perdite causate dall’uomo, che ammontano a oltre 1 miliardo di euro (1.045 milioni di euro; terzo trimestre 2019: 404 milioni di euro). Di questi, circa 700 milioni di euro si riferiscono a perdite connesse alla pandemia COVID-19. In questo contesto, anche nel terzo trimestre si sono registrati sinistri legati alla cancellazione o al rinvio di eventi importanti, nonché perdite in altri rami della riassicurazione Danni/Infortuni, come ad esempio l’interruzione dell’attività. Inoltre, Munich Re ha subito perdite non legate a CoVID-19, come ad esempio l’esplosione del porto di Beirut. Le spese per grandi sinistri dovuti a catastrofi naturali sono ammontate a 474 milioni di euro (577 milioni di euro), soprattutto a seguito di tempeste di vento e perdite dovute a incendi negli Stati Uniti.

Considerata l’attuale elevata incertezza sulle ulteriori conseguenze economiche e finanziarie di COVID-19, Munich Re non pubblicherà nuovamente una profit guidance per il 2020. Come per il suo obiettivo di utile annuale, Münchener Rück resta impegnata a ridurre i suoi sotto-obiettivi per l’utile annuale nel settore riassicurativo, la sua previsione per il combined ratio nella riassicurazione Danni/Infortuni e per il risultato tecnico, comprese le attività con un trasferimento di rischio non significativo nella riassicurazione Vita/Malattia.

Tutti gli altri sotto-obiettivi specificati nella relazione finanziaria semestrale (2/2020) sono invariati, anche se il contesto rimane estremamente difficile e incerto a causa della volatilità dei mercati dei capitali e dell’impatto poco chiaro di una seconda ondata di COVID-19.