Risultati contrastanti per la cinese Ping An

Ping An Insurance ha reso noto di aver chiuso il terzo trimestre dell’anno con un incremento dell’utile netto dell’8%, a dimostrazione di una buona ripresa delle attività dopo la fase più acuta della pandemia, sostenuta dai buoni rendimenti degli investimenti sui mercati azionari.

Tuttavia, il valore del new business, indicatore importante sulle nuove polizze vita, è in diminuzione del 29% nei primi nove mesi dell’anno (-24% ascrivibile al primo semestre dell’anno).

Ping An

Alla luce di quest’ultimo dato, la scelta strategica dell’assicuratore cinese di privilegiare i prodotti di più elevato valore e di tagliare gli agenti meno produttivi per sostenere la crescita di lungo periodo, sembra invece pesare sui risultati della ripresa dell’attività dopo il lockdown dei primi mesi dell’anno.

Nei primi nove mesi dell’anno, l’utile operativo di Ping An è aumentato del 4,5%, in accelerazione dopo il +1,2% del primo semestre.