Itas Gestione Garantita 2 a ritmo lento

Il prodotto offre una buona schiera di opzioni contrattuali e coperture aggiuntive, ma i rendimenti attesi soffrono

di Fausto Tenini e Alessandro Lazzari * (Assinews)

Itas Gestione Garantita 2 è un’assicurazione rivalutabile a vita intera a premio unico, dalle caratteristiche difensive in termini di profilo di rischio e di rendimento atteso. Le prestazioni assicurate sono contrattualmente garantite dalla società e si rivalutano in base al rendimento della gestione separata Formula Fondo. La prestazione in caso di decesso dell’assicurato prevede la semplice liquidazione ai beneficiari del capitale assicurato rivalutato. E’ però prevista una copertura complementare per decesso causato da qualsiasi causa: per la quale in caso di decesso dell’assicurato verrà pagato un ulteriore capitale, in aggiunta alla prestazione base, che sarà determinato in fase di sottoscrizione iniziale e sarà pari al premio unico versato moltiplicato per tre, fino ad un massimo di 75 mila euro. Ad esempio, se il contraente versa 10 mila euro di premio unico il suo capitale assicurato aggiuntivo in caso di decesso sarà pari a 30 mila euro. Tale copertura ha una durata fissa pari a 10 anni dalla data di decorrenza del contratto ed è riservata agli assicurati con età anagrafica, alla data di sottoscrizione, compresa tra i 18 e 50 anni. Questa forma di copertura aggiuntiva può inoltre essere attivata solo come alternativa alla copertura complementare “decesso causato da infortunio”. In caso di decesso dell’assicurato per infortunio verrà pagato un ulteriore capitale, determinato sempre in fase di sottoscrizione iniziale e pari al premio unico versato moltiplicato per tre, con massimale nuovamente di 75 mila euro, ma in caso di decesso causato da incidente stradale il capitale assicurato sarà raddoppiato. Tale copertura ha una durata fissa pari a 10 anni dalla data di decorrenza del contratto ed è riservata agli assicurati con età anagrafica, alla data di sottoscrizione, compresa tra 18 e 70 anni. Le rivalutazioni del capitale in base al rendimento della gestione separata, una volta dichiarate e attribuite annualmente al contraente, restano definitivamente acquisite al contratto, con garanzia di un rendimento minimo annuo composto pari allo 0%. La gestione separata Formula Fondo prevede peraltro l’attivazione di un “fondo utili”, per l’accantonamento delle plusvalenze nette realizzate annualmente, che concorrono alla determinazione del tasso medio di rendimento annuo della gestione separata. Una sorta di ammortizzatore che può permettere anche in anni di rendimenti scarsi di restituire agli investitori performance soddisfacenti. Il contratto prevede il pagamento di un premio unico di importo minimo pari a 5 mila euro, con un valore massimo di 300 mila euro con possibilità di versamenti aggiuntivi fino al decimo anno dalla data di decorrenza del contratto. Il totale dei premi unici aggiuntivi versati non potrà superare l’importo di 100 mila euro. In ogni caso il cumulo premi riferito ad un unico contraente o più contraenti collegati ad un medesimo soggetto non potrà superare 2,5 milioni di euro. Tra le opzioni contrattuali spicca la possibilità di conversione in rendita. Annua, da corrispondere finché l’assicurato è vivo, rendita annua da corrispondere in modo certo nei primi 5 o 10 anni, annua su due assicurati (reversibile). E’ possibile richiedere il riscatto totale o parziale, trascorsi 12 mesi dalla data di decorrenza, della polizza, quest’ultimo a condizione che l’importo lordo riscattato sia superiore a 500 euro e il capitale residuo sia superiore a 5 mila euro. Il motore finanziario è rappresentato dalla gestione separata Formula Fondo che in termini nominali ha restituito performance interessanti (3,51% lordo nel 2019), non sufficienti purtroppo a compensare i costi globali del prodotto finanziario. Da Kid si evidenzia infatti che anche in caso di mercati molto a favore è da mettere in conto una perdita media annua sul capitale pari allo 0,33%, che può portarsi a -0,41% medio annuo nel caso di mercati fortemente stressati. (riproduzione riservata)

Clicca qui per la scheda completa