Gli italiani accantonano troppo poco per la pensione

Gli italiani vogliono che il reddito percepito durante la pensione permetta loro di mantenere uno stile di vita adeguato. Facile a dirsi, più difficile a farsi, tanto più che, secondo quando emerge dallo Schroders Global Investor Study 2020, sono proprio loro i più preoccupati d’Europa per il fatto che gli schemi statali non siano sufficienti dopo il ritiro dal lavoro. Il timore riguarda il 60% delle persone del Paese, cinque punti percentuali in più rispetto al dato globale.

Se però si va a vedere la quota di reddito destinata specificamente per la pensione, ecco che gli italiani sono ancora cicale: solo il 13% del totale (si veda il grafico), a fronte di un 13,8% europeo e di un ben più robusto 15,2% globale. Un dato senz’altro negativo, ma che letto da solo non rende giustizia a un comportamento più diligente: il 26% degli investitori utilizza il proprio reddito per accrescere i propri risparmi ai fini della pensione. Tre anni fa a farlo era solo il 12%. La strada da percorrere verso un aumento dei versamenti pensionistici è ancora lunga: basti pensare che, come sottolineato dal presidente del centro studi e ricerche di Itinerari Previdenziali, Alberto Brambilla, sulle colonne di MF-Milano Finanza, con l’aumento delle persone che si ritirano dal lavoro quest’anno «l’Inps potrebbe avere 10-19 miliardi di minori entrate e 10-12 miliardi di maggiori uscite».

Il 31% degli italiani crede che il reddito durante la pensione sia insufficiente per condurre un buon stile di vita. Meglio del dato globale (41%), anche se, secondo l’analisi di Schroders, «gli investitori vogliono un indirizzo chiaro su come abbracciare le soluzioni integrative». La normativa rappresenta un ostacolo: per più di un italiano su tre i continui cambiamenti delle leggi non permettono di realizzare i giusti accantonamenti, e per il 38% degli intervistati le opzioni a disposizione per arricchire il reddito pensionistico non sono chiare. Un peccato, visto che le aspettative di rendimento per i risparmi investiti sono del 6,4% nei prossimi mesi. (riproduzione riservata)

Fonte: