Cassa ragionieri, budget 2021 a 74,54 mln

Simona D’Alessio
Il bilancio preventivo 2020 della Cassa nazionale di previdenza dei ragionieri ha mostrato un «risultato assestato pari a 86,44 milioni», mentre il budget per l’esercizio 2021 pronostica un esito, «al lordo delle rettifiche di valore, pari a 74,54 milioni (1,54 milioni il risultato netto)». È quel che si legge nella nota diffusa dall’Ente guidato da Luigi Pagliuca, dopo che l’assemblea dei delegati ha approvato l’assestamento del preventivo per l’annualità in corso e il documento di previsione per l’anno prossimo. Nel periodo della pandemia, viene indicato, gli iscritti hanno ottemperato all’obbligo contributivo, non senza risentir delle ripercussioni sulla loro liquidità del Covid, fenomeno che ha aumentato, «però, solo leggermente la morosità, mentre in tema di accertamento dei contributi dovuti, il bilancio di previsione assestato conferma sostanzialmente il dato delle entrate contributive del 2019 in 317,1 milioni, a fronte di una morosità che, al mese di settembre, era di poco superiore al 22% rispetto all’accertamento della contribuzione dovuta».

E, sempre con un riferimento all’emergenza Coronavirus, la Cassa segnala che «l’incertezza ancora presente alla fine di ottobre e in parte, mitigata, dall’euforia delle ultime settimane, riconducibile all’annuncio del rilascio di vaccini in grado di contrastar la diffusione del virus, ha comportato una stima molto prudente sul gettito contributivo e sul rendimento del patrimonio mobiliare investito», perciò al 20 novembre 2020 si rileva «un rendimento finanziario del 3,7% delle gestioni a mandato, con un patrimonio investito a valori di mercato pari a 937,9 milioni». Sul versante delle operazioni finanziarie, «l’analisi della strategia di investimento del prossimo triennio si pone il perseguimento di una sensibile accelerazione del processo di contrazione della componente investita in immobili, che è prevista alla fine del periodo 2022 pari 34,2%, con la riduzione dal posizionamento al 30 giugno 2020 pari 41,6%». Stando alle cifre contenute nel recente bilancio sociale della Cassa, infine, gli associati iscritti e pensionati attivi, per un terzo donne, sono 28.589, i percettori di una prestazione previdenziale sono 9.760, e «l’importo medio delle pensioni erogate è di 24.186 euro».

© Riproduzione riservata

Fonte: