RASSEGNA STAMPA ASSICURATIVA 15/11/2018

logo_mf

La holding vara un programma di acquisto di azioni proprie fino a 300 milioni
La controllata PartnerRe procede al pagamento dei dividendi dei titoli privilegiati che trattano a New York
La bancassurance di protezione è la componente di gran lunga più dinamica del mercato assicurativo, con un ritmo di crescita annua vicino al 15%. È un business tuttora piccolo, pari a circa 2 miliardi di euro, che si divide in due segmenti: le polizze legate al credito (Cpi) e quelle stand alone, offerte dagli sportelli alle famiglie e alle imprese per la copertura dei loro rischi. Quest’ultimo è il mercato destinato a crescere più di ogni altro. Il suo volume attuale è di 900 milioni: veramente poca cosa se pensiamo al valore potenziale della domanda e alla capacità distributiva delle banche. Le banche hanno l’esigenza di lasciarsi alle spalle una lunga fase di difficoltà.
Eurizon (gruppo Intesa Sanpaolo) ha chiuso i primi nove mesi dell’anno con un utile netto consolidato a 350 milioni di euro, in calo del 3,6% rispetto allo stesso periodo del 2017, su cui tuttavia c’è l’effetto di un’operazione una tantum avvenuta lo scorso anno (la cessione di Allfunds Bank). Escludendo questa posta, il risultato netto si attesta in crescita del 3,6%. Il valore del patrimonio gestito al 30 settembre è pari a 312 miliardi di euro, in aumento dell’1,5% rispetto a 12 mesi prima.

Il III rapporto dell’Adepp sugli investimenti certifica un rendimento netto del 2,6%
Le previsioni di crescita al 2020 dagli 85,3 mld del 2017
Da luglio, il minimale di retribuzione giornaliera passa da 48,20 a 54,58 euro. Lo spiega lo stesso Inail nella circolare n. 42/2018 fornendo il consueto quadro su minimali e massimali per il calcolo dei premi e la liquidazione delle prestazioni, nel periodo luglio 2018-giugno 2019.
Eurizon ha realizzato nei nove mesi un utile netto di 350 milioni di euro, in calo del 3,6% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Escludendo il contributo straordinario legato alla vendita di Allfunds Bank, che aveva pesato sui profitti 2017 per 25,3 mln, il risultato netto è migliorato del 3,6%. Il margine commissionale è salito di oltre sette punti percentuali a 532 milioni, mentre il cost-income si è posizionato sotto il 21%.

Repubblica_logo

  • Assistenti digitali per medici e sanitari nuova sfida di Google
Google riporta a casa Deepmind Health, divisione che si occupa di intelligenza artificiale applicata alla salute. L’obiettivo è sviluppare un assistente personale per infermieri e medici con lo scopo di aiutarli con diagnosi e terapie. Ciò che sta già facendo il team di Streams (che è dentro Deepmind) in Gran Betagna in accordo con il Servizio sanitario nazionale. Un team che Google vuole per sé, allargando così il business a tutto il mondo. Una mossa che secondo i critici rischia però di creare un problema di privacy. Deepmind quando iniziò a lavorare era soggetta a un vincolo: i dati non sarebbero mai stati connessi agli account e ai servizi di Google. Promessa che secondo un portavoce di Deepmind rimarrebbe valida. Ma a rischio è oggi anche la composizione del team, composto solo da esperti britannici. E domani?

  • Così le nuove pensioni L’Inps invia un milione di simulazioni
L’Inps si prepara al debutto di “quota 100” con un adeguamento del servizio “La mia pensione sicura”, vale a dire il simulatore attivato nel marzo del 2016 per consentire a tutti i lavoratori attivi iscritti un calcolo del valore dell’assegno previdenziale e della data di decorrenza. Lo ha spiegato due giorni fa il presidente dell’Inps, Tito Boeri, nel corso di un incontro stampa convocato per illustrare il progetto di sistemazione dell’estratto contro contributivo dei dipendenti pubblici.
  • Stop di tre anni al cumulo redditi per chi «esce» con quota 100
Un decreto legge con “quota 100” e reddito di cittadinanza subito dopo l’approvazione parlamentare della legge di Bilancio. A indicare con decisione la tabella di marcia per il «superamento della legge Fornero» è nuovamente il vicepremier Luigi Di Maio che cerca di spazzare via i dubbi scaturiti dal restyling del Documento programmatico di bilancio inviato ieri notte a Bruxelles. Nel DpB l’efficacia immediata delle misure su previdenza e lotta alla povertà che era prevista dal primo testo recapitato alla Commissione Ue è diventato ora «da definire con legge collegata». Ma Di Maio assicura: «Non c’è slittamento, collegato o calende greche, la soluzione ce l’ho pronta», un Dl per far decollare le due misure rispettivamente a febbraio e marzo.
  • Casse, investimenti qualificati esentasse dal 5 all’8 per cento
Buone notizie sul fronte investimenti per le Casse di previdenza. «Nella legge di Bilancio – racconta il sottosegretario al ministero del Lavoro Claudio Durigon, durante la presentazione a Roma del III Rapporto sugli investimenti curato da Adepp (Associazione degli enti previdenziali privati) – la percentuale di investimenti qualificati che non saranno tassati sale dal 5 all’8%; una mossa che risponde a sollecitazioni del mondo della previdenza privata dato che gli investimenti “agevolati” dalla legge di Bilancio 2017 già rappresentano il 7,2%».
Le Casse di previdenza chiedono al Governo, per bocca del presidente Adepp, Alberto Oliveti, «un’autonomia intelligente e moderna, la semplificazione e la stabilità delle regole, una defiscalizzazione che ci allinei al resto d’Europa e una parziale fiscalità di scopo». Sulla defiscalizzazione Durigon non chiude la porta ma fa capire che non sarà imminente.

Il governo francese vuole raddoppiare la somma del massimale legale del contributo delle compagnie al fondo di garanzia (FGAO), misura che potrebbe ripercuotersi nei premi.
Axa ha lanciato un’offerta secondaria di azioni ordinarie di AXA Equitable Holdings, quotata a Wall Street dallo scorso maggio. Il gruppo francese detiene ancora il 72% della controllata.

 

  • Antoine Lissowski potrebbe assumere la guida di CNP Assurances
Salvo colpi di scena, Antoine Lissowski dovrebbe essere nominato ceo di CNP Assurances domani, secondo fonti Reuters. Antoine Lissowski ha assunto attualmente ad interim la direzione da Frédéric Lavenir dopo la sua uscita ad agosto, a seguito dei disaccordi sul progetto di fusione tra La Banque Postale e CNP Assurances.

Handelsblatt

 

  • Axa Leben può mantenere stabile i tassi di interesse garantiti nelle polizze dei clienti
Il tasso di interesse totale rimane in media del 3,4 percento.
Axa Lebensversicherung mantiene i tassi di interesse sulle polizze dei propri clienti stabili per il terzo anno consecutivo. La partecipazione agli utili rimarrà nel 2019 al 2,9%. Il tasso di interesse totale è rimasto in media del 3,4%.