La perdita della vita, il danno non patrimoniale

Nel danno non patrimoniale, in caso di morte cagionata da un illecito, il pregiudizio conseguente è costituito dalla perdita della vita, bene giuridico autonomo rispetto alla salute, fruibile solo in natura dal titolare e insuscettibile di essere reintegrato per equivalente, sicché, ove il decesso si verifichi immediatamente o dopo brevissimo tempo dalle lesioni personali, deve escludersi la risarcibilità ereditaria di tale pregiudizio, in ragione:

  1. nel primo caso, dell’assenza del soggetto al quale sia collegabile la perdita del bene e nel cui patrimonio possa essere acquisito il relativo credito risarcitorio
  2. ovvero, nel secondo, della mancanza di utilità di uno spazio di vita.

Cassazione civile sez. III, 13/07/2018 n. 18555