Buffett ripiega sul buyback

Berkshire Hathaway, la finanziaria di Warren Buffett, ha riacquistato 928 milioni di dollari (812,6 mln euro) di azioni nel terzo trimestre: una mossa rara, che indica come l’oracolo di Omaha veda una carenza di opzioni di investimento allettanti. La società non ha effettuato un’acquisizione significativa da quando ha comprato Precision Castparts per 32 miliardi di dollari (28 mld euro) nel 2016.

Negli ultimi due anni Berkshire si è limitata a piccoli deal e ha attuato una compravendita di una partecipazione in Apple. Comunque sia, il portafoglio di aziende della società, come Duracell, Geico e Bnsf Railway, ha continuato a generare liquidità a ritmi sostenuti. Quello che segnalano i riacquisti, conferma David Rolfe, chief investment officer di Wedgewood, è l’assenza di volontà da parte di Buffet di investire al di fuori di Apple

L’operazione è stata effettuata al prezzo medio di 312.806 dollari ad azione per i titoli di classe A e di 207,09 dollari per quelli di classe B. Le azioni di classe A hanno chiuso la seduta di venerdì scorso a 308.411 dollari, con un incremento del 3,6% da inizio anno. Il buyback è piccolo rispetto alle dimensioni del bilancio di Berkshire, ma rappresenta un cambiamento nelle modalità con cui l’azienda intende restituire liquidità agli investitori, considerato anche che la società non riacquistava azioni proprie dal 2012. Buffett ha sempre sostenuto di voler creare e aumentare il valore per gli azionisti attraverso investimenti, più che con buyback o dividendi, ma la crescita della cassa di Berkshire negli ultimi anni ha messo sempre più sotto pressione il presidente, spingendolo a riacquistare azioni in assenza di occasioni di investimento interessanti.

Intanto, nel terzo trimestre, Berkshire ha registrato un balzo dell’utile netto a 18,5 miliardi di dollari (16,2 mld euro), pari a 11,28 dollari ad azione, rispetto ai 4,07 miliardi (2,473 dollari ad azione) dello stesso periodo del 2017. L’utile operativo, che esclude alcuni risultati degli investimenti e che è la misura preferita da Buffett per valutare la performance, è salito a 6,88 mld di dollari dai precedenti 3,44 mld.
© Riproduzione riservata

Fonte: