Swiss Re: le catastrofi spingeranno le tariffe nella riassicurazione danni

Le tariffe dell’assicurazione e riassicurazione danni dovrebbero aumentare, secondo Swiss Re, che ha pubblicato il “Global insurance review 2017, and outlook 2018/19”.

Le numerose catastrofi naturali verificatisi nel secondo semestre dell’anno hanno prosciugato il capitale da Property & Casualty del comparto. Allo stesso tempo, i prezzi sono rimasti bassi, a causa del trend al ribasso degli ultimi anni e questi due fattori pongono le basi per una correzione verso l’alto delle tariffe.

L’economia globale è in ripresa ciclica, e la previsione è di una crescita moderata nel 2018 e nel 2019. Ciò dovrebbe ulteriormente sostenere la crescita della domanda assicurativa , con i premi danni globali in crescita di almeno il 3% e premi vita di circa il 4% in termini reali.
I mercati emergenti, in particolare l’Asia, continueranno a trainare la crescita, con premi previsti in aumento del 6-7%.

Gli uragani Harvey, Irma, Maria, i terremoti in Messico e gli incendi in California hanno comportato perdite significative per il settore assicurativo e riassicurativo danni. I tre
uragani e terremoti in Messico hanno provocato perdite assicurative stimate per
95 miliardi di dollari, e i risultati di sottoscrizione per l’intero anno rischiano di essere gravemente colpite: il combined ratio per le assicurazioni danni dovrebbe salire in media al 109% dal 101% del 2016. A livello mondiale per la riassicurazione, supponendo che non vi siano ulteriori grandi eventi catastrofali, il combined ratio per quest’anno è stimato intorno al 115%, in aumento rispetto al 92% del 2016.