Fatturazione di prestazioni di “consulenza o intermediazione assicurativa”

IL VOSTRO QUESITO

Una ditta che svolge attività di broker di assicurazione emette fattura ai propri clienti per il corrispettivo delle sue prestazioni come “consulenza assicurativa” o “intermediazione assicurativa”. L’attività svolta consiste nel presentare o proporre contratti di assicurazione, compiere atti preparatori o relativi alla conclusione di contratti di assicurazione, ovvero collaborare in caso di sinistri alla loro gestione ed esecuzione. L’art. 25-bis co. 5 DPR 600/73 esclude dall’applicazione della ritenuta d’acconto i mediatori di assicurazione per i loro rapporti con le imprese di assicurazione…, ma essendo le fatture emesse nei confronti del cliente, nel caso in cui quest’ultimo sia un sostituto d’imposta devono essere assoggettate a ritenuta d’acconto? Essendo prestazioni esenti Iva ai sensi dell’art. 10 c.9 D.P.R. 633/72 per fatture di importo superiore a Euro 77,47 sulla fattura si deve applicare una marca da bollo da 2 Euro?

L’ESPERTO RISPONDE

CONTENUTO A PAGAMENTO Il contenuto integrale di questo articolo è visualizzabile solo dagli abbonati a QUOTIDIANONon sei abbonato?

Sei già abbonato? Effettua il login nel modulo sottostante

Hai dimenticato la Password?
Registrati
SHARE