Se ti becco con il cellulare alla guida … patente addio …

di Lucio Berno.

Questa dovrebbe essere la novità prevista dalla riforma del Codice della Strada in arrivo nei prossimi giorni al Senato per l’approvazione definitiva.  Questo almeno sembra essere il desiderio del Presidente della Commissione Trasporti Altero Matteoli, che ha voluto calendarizzare il disegno di legge per i prossimi giorni così da arrivare all’approvazione definitiva entro fine anno.

Ma quali sono le principali novità?

  • Ritiro immediato della patente da un minimo di 15 giorni e fino a 2 mesi per tutti coloro che vengono sorpresi con il cellulare alla guida;
  • Sequestro amministrativo del telefono per verificare se sia avvenuto un incidente proprio a causa del cellulare.

In realtà il disegno di legge potrebbe anche essere chiamato disegno LOTTA ALLA DISTRAZIONE. Infatti si caldeggia l’uso del nuovo sistema che inibisce l’uso dei cellulari avvisando che non è possibile rispondere ai messaggi perché alla guida.  Evocativo il nome di questo nuovo sistema:  Santino!

Ma non finisce qui.  La riforma tende ad incrementare l’uso della tecnologia a bordo delle auto:

  • Obbligatorietà della scatola nera
  • Vivavoce integrato per:
    – segnalatore di invasione della corsia opposta
    – Avvicinamento al margine della strada
    – Frenata automatica di emergenza
    – Specchietto che elimina l’angolo cieco

Ma si chiede anche l’installazione di sistemi antisonno a bordo dei mezzi che portano persone. Tra questi l’uso del volante che vibra.

Oppure di sistemi antiabbandono per i bambini da inserire sul seggiolino.

Ancora:  per i ciclisti è previsto l’obbligo di tenere le luci accese di sera ma anche di possedere dispositivi catadiottrici funzionanti.

Staremo a vedere

Download (PDF, Sconosciuto)