Perissinotto trova tre soci eccellenti per la sua Icg

di Andrea Giacobino

Tre soci eccellenti per Italian Creation Group (Icg), la holding del made in Italy fondata da Giovanni Perissinotto, ex ceo di Generali . Nelle scorse settimane sono entrati nel capitale Daria Tinelli di Gorla, vedova di Agostino Rocca fondatore dell’omonimo gruppo col 21,5%; la Blu Acquario Prima, veicolo personale di Marco Drago, numero uno del conglomerato B&D Holding che controlla De Agostini Editore, Igt e Dea Capital ; e Arrigo Berni, ad di Moleskine col 5,3%. Azionista di controllo della società che possiede i marchi Driade e Valcucina rimane la Demetra srl di Perissinotto e del suo socio Stefano Core. E proprio nei giorni scorsi l’ex numero uno del Leone nella sua qualità di presidente ha guidato un’assemblea straordinaria di Icg che ha varato tre aumenti di capitale per complessivi 12 milioni tra valore nominale e sovraprezzo al fine di far entrare nuovi investitori, oltre a emettere due prestiti convertibili con scadenza nel 2017 per un controvalore di 4,5 milioni. Nel dettaglio i tre aumenti di capitale sono per 370mila euro di azioni di categoria A (come quelle possedute dai tre nuovi soci citati), per 535mila euro di azioni di categoria D e per i restanti 11 milioni di azioni di categoria E. Perissinotto spiega «la necessità di una serie di aumenti di capitale finalizzati all’ingresso di nuovi investitori e partner strategici». Il cda di Icg è stato ampliato con l’entrata di Tommaso Rocca (figlio di Paolo, numero uno di Techint), Lauro Buoro che controlla Nice Group, Giorgio Rossi Cairo fondatore di Value Partners e Paolo Paganella.
Fonte: logo_mf