Consob: dal 2017 le trimestrali saranno facoltative

di Laura Bonadies (MF-DowJones)
La Consob ha approvato le modifiche al Regolamento Emittenti in materia di resoconti intermedi di gestione, ossia i documenti contabili che dal 2007, con l’entrata in vigore della prima direttiva europea Transparency, hanno preso il posto delle relazioni trimestrali. Le modifiche regolamentari, spiega una nota diffusa ieri dalla Commissione presieduta da Giuseppe Vegas, sono il punto di arrivo di un processo normativo iniziato nel febbraio scorso con il recepimento della direttiva Transparency II, che ha abrogato l’obbligo di pubblicazione dei resoconti intermedi di gestione. La direttiva, tuttavia, ha lasciato ai Paesi membri dell’Unione Europea la facoltà di reintrodurre informazioni periodiche aggiuntive rispetto alle relazioni finanziarie annuali e semestrali, sia pure solo a determinate condizioni e previa analisi d’impatto regolamentare quanto a costi e benefici.

A partire dalla primavera scorsa Consob ha svolto pertanto due consultazioni con il mercato finanziario. Al termine dell’ultima consultazione conclusasi nel settembre scorso e tenuto conto delle osservazioni del mercato, Consob ha introdotto il nuovo articolo 82-ter del Regolamento Emittenti. In base a questa norma le società quotate hanno facoltà di scegliere se pubblicare o meno le informazioni finanziarie periodiche aggiuntive. Qualora scelgano, su base volontaria, di pubblicarle, le società dovranno comunicare al mercato la propria scelta, specificando gli elementi informativi che intendono fornire, in modo che le decisioni adottate risultino chiare e stabili nel tempo. D’altro canto l’eventuale decisione di interrompere la pubblicazione dovrà essere motivata e resa pubblica, acquistando efficacia a partire dall’esercizio successivo. Le nuove disposizioni si applicheranno a partire dal 2 gennaio 2017, in modo da consentire alle società di rispettare la nuova normativa.
Fonte: logo_mf