Frode assicurativa da 300.000 euro in Spagna

La polizia nazionale spagnola ha arrestato 65 persone e ha interrogato altri 40 accusati di aver frodato compagnie di assicurazione tramite la simulazione di incidenti stradali simulati nella zona tra Murcia e Molina de Segura per un importo vicino ai 300.000 euro. L’accusa è di frode, falsificazione e appartenenza ad organizzazione criminale.

L’indagine è iniziata nel mese di settembre 2015 dopo che la Pretura a Murcia ha allertato gli investigatori su una possibile simulazione di incidente stradale. Gli agenti hanno chiesto informazioni provenienti da diverse compagnie di assicurazione e ottenuto 22 casi in cui è stata evidenziata “incongruenza tra le dichiarazioni di coloro che sono coinvolti nel sinistro e il danno ai veicoli coinvolti” .

 

La rete criminale era composta da avvocati, vittime di incidenti, automobilisti e personale di cliniche di riabilitazione. L’organizzazione si sarebbe occupata della ricerca di persone in una situazione economica precaria per offrire loro un modo alternativo per guadagnare. Gli avvocati hanno dato copertura legale alle procedure, a volte usando secondi consulenti in modo che gli stessi nomi non comparissero più volte.