Allianz: forte contributo dell’Italia ai positivi risultati del terzo trimestre 2013

Nel terzo trimestre del 2013 il Gruppo Allianz ha confermato l’andamento positivo già evidenziato nella prima metà dell’esercizio, nonostante un effetto negativo dei cambi valutari. I ricavi, pari a 25,1 miliardi di euro, sono rimasti prossimi al livello di 25,2 miliardi di euro registrato lo scorso anno, diminuendo dello 0,2%. L’utile operativo è ammontato a 2,5 miliardi di euro, con un calo dello 0,7% rispetto al terzo trimestre dello scorso esercizio. L’utile netto è aumentato del 6,3%, superando 1,4 miliardi di euro. Il solvency ratio totale, pari al 177% al 30 settembre, ha confermato il livello elevato del 30 giugno. Il patrimonio netto è cresciuto a 48,77 miliardi di euro (da 47,86 al 30 giugno 2013). “Alla luce dell’andamento positivo registrato dal Gruppo Allianz nei primi nove mesi 2013, ci attendiamo che l’utile operativo per l’esercizio si collochi lievemente al di sopra di 9,7 miliardi di euro, la fascia più alta del target range fissato in precedenza”, ha dichiarato Michael Diekmann, CEO di Allianz SE.

In dettaglio, nel terzo trimestre 2013 i ricavi nei Danni sono ammontati a 10,7 miliardi di euro (-6,5%) e l’utile operativo ha raggiunto 1,2 miliardi di euro (+ 6,4%). Il combined ratio è migliorato di 1,4 punti percentuali a 94,8%. Nel Vita i ricavi sono cresciuti del 6,6% a 11,9 miliardi di euro e l’utile operativo si è attestato a 769 milioni di euro (-5,6%). Nell’Asset Management, i ricavi nel terzo trimestre 2013 sono ammontati a 1,7 miliardi di euro (-7,7%) e l’utile operativo a 754 milioni di euro (-7,7%). Gli attivi in gestione nel complesso ammontavano al 30 settembre 2013 a 1.811 miliardi di euro (da 1.852 miliardi al 31 dicembre 2012).

Forte in contributo dell’Italia, secondo mercato per il gruppo Allianz. Nel terzo trimestre del 2013 la raccolta Danni è salita del 2% a 853 milioni di euro, l’utile operativo del 34,6% a 350 milioni di euro e il combined ratio è migliorato di 9,7 punti percentuali attestandosi a 71,5%. Nel Vita, la crescita dei ricavi è stata sostenuta dai prodotti unit linked e la raccolta è cresciuta nel solo terzo trimestre del 18% a 1,58 miliardi di euro. Complessivamente, la raccolta premi Vita e Danni è ammontata nel terzo trimestre a 2,43 miliardi di euro (+11,9%) e nei primi nove mesi a 9,16 miliardi di euro (+24,7%).

George Sartorel, Amministratore Delegato di Allianz Italia ha dichiarato: “Gli eccellenti risultati dei primi nove mesi dell’anno sono particolarmente significativi, perché sono stati raggiunti in un mercato altamente competitivo e in fase di marcata contrazione nei Danni. Allianz Italia, al contrario, ha continuato a crescere sia in termini di raccolta sia di redditività, ed ha incrementato quote di mercato”. Nel business Auto, i premi sono cresciuti nei primi nove mesi del 3%, a fronte di un mercato in contrazione del 6,8% nel primo semestre dell’anno. Al 30 giugno scorso, la quota di mercato nel Motor di Allianz era cresciuta al 12,8% (dall’11,5% dello stesso periodo 2012). “Tale sviluppo – ha concluso Sartorel – è il risultato dei forti investimenti effettuati nel nuovo modello di business digitale, che ha prodotto significativi benefici a favore di tutti i canali distributivi”.

I risultati dei primi nove mesi 2013 evidenziano una raccolta Danni in crescita dell’1,5% % a 2,86 miliardi di euro, l’utile operativo a 878 milioni di euro (+40,5%) e il combined ratio migliorato di 9,5 punti al 77,7%. Genialloyd ha incrementato del 25% i clienti, sfiorando 1 milione di clienti e diventando leader di mercato nel segmento delle compagnie dirette in Italia. Nel Vita, la crescita dei ricavi è stata del 39,2% a 6,29 miliardi di euro. In particolare, la nuova unit linked Progetto Reddito ha raccolto circa un miliardo di euro da inizio anno.