Nuove sfide per gli intermediari

Intermediari

Per tutto il mondo dell’intermediazione assicurativa si profilano sfide importanti che devono essere affrontate non riciclando i paradigmi del passato, ma pensando a modelli di sviluppo in grado di evolvere verso forme di business innovative e vincenti

Autore: Angelo Scarioni
ASSINEWS 236 – novembre 2012

L’analisi delle dinamiche dell’industria assicurativa a livello europeo ci consegna una realtà in continua evoluzione, sia dal punto di vista dell’andamento del mercato e della distribuzione, sia sul fronte degli scenari regolamentari. Fondamentale tassello di questo mosaico è il progetto della nuova normativa sull’intermediazione europea IMD2, già in fase avanzata, anche se per il testo definitivo bisognerà attendere ancora qualche tempo.
L’architettura della direttiva interesserà ben 5mila imprese di assicurazione in Europa che raccolgono premi per oltre 1.100 miliardi di euro ed effettuano investimenti per più di 7.500 miliardi. La rete di intermediari assicurativi è composta da circa 80mila tra agenti e broker che offrono un servizio assicurativo a 375 milioni di clienti. La finalità della nuova regolamentazione è di definire un approccio armonizzato e reciprocamente riconosciuto, fornendo adeguati livelli di tutela ai consumatori europei.CONTENUTO A PAGAMENTO
Il contenuto integrale di questo articolo è visualizzabile solo dagli abbonati aMENSILE Non sei abbonato?
Scopri i piani di abbonamento
Sei già abbonato? Effettua il login nel modulo sottostante

Hai dimenticato la Password?
Registrati