Indagine Eiopa sulle diverse pratiche dei paesi membri

Intermediari

L’Authority europea si interroga sui requisiti
professionali e formativi richiesti per l’iscrizione ai registri intermediari nazionali per definire le best practices

Autore: Tiziana Menegatti
ASSINEWS 236 – novembre 2012

Nel quadro della revisione della direttiva intermediari (cosiddetta DIA2) e dei lavori di Bruxelles volti ad aumentare la tutela dei con­sumatori, l’Eiopa, European Insurance and Occupational Pensions Authority (l’Authority europea che fa parte, insieme ad altre due autorità e all’European Systemic Risk Board dell’European System of Financial Supervision), ha realizzato un’indagine (“Report on a mapping exercise on Industry Training Standards applied by na­tional competent authorities”, pubblicato il 28 settembre scorso) sui livelli di competenze richiesti per accedere alla professione di intermediario assicurativo, sugli standard di formazione profes­sionale e sulle sanzioni previste per gli intermediari nei differenti paesi dell’Unione. CONTENUTO A PAGAMENTO
Il contenuto integrale di questo articolo è visualizzabile solo dagli abbonati aMENSILE Non sei abbonato?
Scopri i piani di abbonamento
Sei già abbonato? Effettua il login nel modulo sottostante

Hai dimenticato la Password?
Registrati