Danni indiretti a chi?

D.I.E.

Autore: Riccardo Tacconi
ASSINEWS 236 – novembre 2012

Parole usate male
Nell’italiano “assicuratese”, spesso, per ragioni di malintesa praticità, si usa il termine “danni indiretti”, all’apparenza d’immediata comprensione, ma che, in realtà, crea problemi interpretativi seri, quando si trasferisce il discorso sul piano giuridico, che resta, volenti o nolenti, il riferimento di elezione per la scelta dei termini che dobbiamo usare nel nostro lavoro.CONTENUTO A PAGAMENTO
Il contenuto integrale di questo articolo è visualizzabile solo dagli abbonati aMENSILE Non sei abbonato?
Scopri i piani di abbonamento
Sei già abbonato? Effettua il login nel modulo sottostante

Hai dimenticato la Password?
Registrati