Andamenti di carriera e calcolo pensionistico nel lavoro dipendente

Previdenza

Autori: Alberto Cauzzi e Silvin Pashaj
ASSINEWS 236 – novembre 2012

Una delle maggiori innovazioni introdotte dalla riforma pensionistica del 1995 (riforma Dini), tutt’oggi considerata “La riforma” per i suoi contenuti altamente innovativi, è il calcolo contributivo, ovvero il calcolo dell’importo della pensione sulla base della somma di tutti i contributi versati nella vita lavorativa. Questa modalità di calco­lo si contrappone al precedente calcolo retributivo che ha come parametro di riferimento la retribuzione media degli ultimi anni antecedenti il pensionamento.
Il calcolo contributivo rappresenta la garanzia di sostenibilità del sistema pensionistico nel problematico futuro della previdenza, connotato da squilibri demografici e tassi ridotti di sviluppo eco­nomico. Nella presente esposizione andremo ad indagare più in dettaglio le formule di calcolo, per comprendere meglio quali sono i riflessi sul tasso di sostituzione (ovvero sull’indice di copertura) delle pensioni al variare dei parametri della posizione contributiva maturata negli anni.CONTENUTO A PAGAMENTO
Il contenuto integrale di questo articolo è visualizzabile solo dagli abbonati aMENSILE Non sei abbonato?
Scopri i piani di abbonamento
Sei già abbonato? Effettua il login nel modulo sottostante

Hai dimenticato la Password?
Registrati


epheso_logo

Strumenti e Metodi per la Consulenza nel Mercato Assicurativo – Previdenziale
– Finanziario www.epheso.it